Blog

Crisi di coscienza agli NME Awards

Arctic Monkeys

Vengo da un’altra generazione. Nel lontano 1973, la PFM ritirò un singolo dal mercato, penso fosse Impressioni di settembre, per paura che entrasse in classifica e apparisse meno cool, in italiano fichi. Oggi il New Musical Express, la bibbia della musica fica, ha i suoi Awards, che è come se il Club Tenco diventasse Sanremo. Cosa che in effetti sta succedendo.

L’invito agli NME Awards me lo piglio sempre volentieri, nella speranza di incontrare qualche biondina indie in minigonna. Non vi dico la gioia nel portare la mia salma all’O2 Arena nel fetore del trasporto pubblico – addio alle lussuose limo che scroccavo ai tempi d’oro! Di solito, esco che non so chi abbia vinto cosa. Perchè mi infilo subito nel backstage a sparare cazzate e al tavolo, o bevo o dormo. Ma quest’anno so che gli Arctic Monkeys hanno fatto razzia di premi. A me gli AM fanno, o meglio, facevano schifo. Erano troppo inglesi, facevano gli intellettualoidi e sono di Sheffield, una città che non ho mai capito. Non capisco niente di quello che sta fuori Londra, ma è un’altra storia. Adesso però le Scimmie Artiche, gran nome, sono il mio gruppo preferito, perché non fanno più i fichi e il loro ultimo lavoro è un disco di vero pop, nel senso più fetido del termine. Altrettanto vale per gli Horrors, che vengono da quel pattume di Southend e hanno presentato il nuovo singolo, un capolavoro-putridata modello Ultravox, intitolato – fantasia pura – I See You. Gli Horrors sanno benissimo di fare schifo ed è per questo che li adoro.

L’attrazione della serata è stata l’80enne Debbie Harry che ha eseguito con i Blondie una delirante versione di Heart Of Glass, un altro disco-pattume. Come mi diverte il mio lavoro quando una cosa che mi faceva schifo comincia a piacermi! Insomma non sono andato nei camerini, non mi sono addormentato e mi sono pure divertito. Sto invecchiando? Forse il mio cinismo sta arrendendosi ad un lento management del declino? Inizierà mica a piacermi quella roba da democrazia, quella roba da repubblica?

Commenti

Commenti

Condivisioni