Blog

Iggy se ne frega (della playlist)

Iggy Pop

Il mio Direttore, giovane e speranzoso, mi chiede continuamente di scrivere di musica. Ma uno come me, vecchissimo e ormai seriamente convinto che le maggior parte della roba di oggi sia un mucchio di merda, ha pochissimo da scrivere. Probabilmente se avessi studiato di più, mi sarei dedicato alla tecnologia, sarei ricco e avrei molto da scrivere. Non penso che uno 16enne sia interessato al nuovo di Drake: preferisce l’ultima app di grido. La tecnologia e la finanza hanno sostituito il rock’n’roll!  I banchieri e i tech oggi si ripassano le meglio sbarbe, s’imbragano di sostanze e vivono il r’n’r. Il rock, invece, fa il buonista e appare a fianco dei politici – certi rocker finiscono a fare i giudici ai talent show! I risultati della “correttezza politica” e delle quote rosa.

Che resta quindi al vostro vate, sempre più fulminato da qualche fenomeno del marketing bocconiano alla Disclosure su Radio One, alla guida dello scorrettissimo  MG V8 Convertible nel countryside inglese? Vivere di memoria, sperando di incappare in qualcosa  di sorprendente. La BBC si è inventata un canale digitale – Radio 6, lo potete ascoltare on line anche dalle vostre parti – che è perfetto per gli sfigati che al liceo facevano schifo con lo sport, gli studi lasciamo perdere, la famiglia così così, e a cui non restava che intendersi di musica per risultare interessanti – cioè rimorchiare. Metto quel canale e sento una voce profonda, esotica, rilassante. Un po’ come il vecchio zio che ti racconta di quando trombava come un pazzo, facendoti ascoltare la musica vera, quella bbona. È il mio vecchio Iggy, che conduce in questo momento  il MIGLIOR programma radiofonico al mondo e che se ne strafotte delle playlist dei programmatori e ci conduce in un viaggio delle mente, passando dai Jefferson Airplane a Nino Rota, per finire coi Suicide.

Dicevi baby? Ah beh c’è sempre la possibilità di sentire un po’ di ciarpame pseudo cantautorale,  o anche un po’ di pop putrido… Quella roba lì da repubblica, da democrazia.

Commenti

Commenti

Condivisioni