Blog

Let It Be (Smettere di incidere album in studio)

Let-It-Be

Nel 2011 ho prodotto il disco di un gruppo italiano: gli Apple Pies. L’estate scorsa il loro bassista/cantante è stato scelto per il cast del musical sui Beatles intitolato Let It Be, che esordirà il prossimo ottobre a Londra. Ho avuto il piacere di andarlo a vedere.

Il musical è abbastanza anomalo, perchè non ha alcuna storia recitata o narrata ma è semplicemente una performance rigorosamente live e molto accurata nei dettagli e nelle scenografie, che ripercorre tutta la carriera dei Fab Four. Ora, come è noto, i Beatles hanno ad un certo punto della loro avventura smesso di suonare dal vivo: in questo musical viene immaginato come sarebbero potute essere le esibizioni di alcuni brani che nemmeno gli “originali” hanno mai suonato in concerto.

La scelta dei Beatles , non salire più sul palco e proseguire la carriera pubblicando solo LP registrati in studio, fu allora rivoluzionaria, ma s’inseriva in un momento storico (1966/67) in cui i dischi subivano una fortissima impennata di produzione e di vendite. Pensate che oggi si parla di cali del 70% da un anno all’altro, e per un artista o gruppo attualmente sarebbe impensabile prendere una decisione del genere. Certo, i Beatles furono particolarmente sfortunati nei live, perchè non avevano attrezzature adeguate e perchè proprio la beatlemania gli si rivoltò contro come un boomerang. La scelta radicale di chiudersi in studio li portò d’altro canto a spingersi verso nuovi orizzonti sonori e a fare sperimentazioni sulle tecniche di registrazione, delle quali ancora oggi se ne godono i risultati. Per un musicista esprimere la propria creatività in studio è cosa ben diversa dal condividere la propria musicalità dal vivo.

Che strana inversione di rotta è accaduta: oggi, sarebbe più plausibile e rivoluzionario per un musicista non fare più dischi in studio, ma suonare la propria musica solo dal vivo, ed eventualmente mettere in vendita solo le registrazioni live. Beh, io dico “let it be”, lasciate che sia così!

Commenti

Commenti

Condivisioni