Blog

Streaming sucks (i vinili sono fighi)

Streaming vinile

L’MG RV8 è la protagonista delle serate londinesi in stile Michael Caine del vostro eroe preferito. S’inizia dal famigerato Groucho’s per poi andare da Morton’s e Annabell’s a vedere le biondine che annegano nel vodka seltz tra un disco e l’altro di Nile Rodgers.

Dopo un lungo sonno di 90 minuti il V8 parcheggia su Berwick Street e il vostro eroe entra uno dopo l’altro in tre negozi di dischi (Sister Ray’s, Reckless, Sounds of Universe) a curiosare tra i vinili. Fino a poco tempo fa eravamo in pochi amici, casi disperati direi. Negli ultimi mesi, invece, i negozi hanno cominciato ad affollarsi di sbarbati in formato post-tossico e biondine di nero-giallo-rosso vestite, modello caramella. Una sera ho chiesto ad uno di loro cosa ci facesse lì dentro e perchè non stesse smanettando su Spotify. Risposta: «Naaah, quella è merda che usano i miei genitori!». Suppongo che io sia diventato lo zio ultra cool.

Qualche giorno più tardi, sul New York Times, leggo un articolo sulla crescita esponenziale del mercato del vinile. I Daft Punk, a 50 sterline a pezzo, sono al primo posto e tutti si stanno ricomprando il Thorens a prezzi paurosi. In preda all’entusiasmo ho distrutto un patrimonio per ricomprarmi la collezione di vinili che già avevo in passato e che ora probabilmente prende polvere in qualche cantina fetida della pianura padana, povere creature (Marinella Venegoni ha fatto di peggio donando tutti i suoi dischi a qualche bibliotecaccia).

In una settimana mi sono rifatto tutto Marvin Gaye, tutti gli Earth Wind & Fire, tutti gli Stones e ho regalato un Public Enemy vintage ad una coppia di sbarbi che guardavano il mio sperpero da fetish (la biondina sbarba mi ha abbracciato…Arzillo lo Zietto!).

Ho cancellato pure tutta la musica dall’ iPhone. E adesso so che regalo fare al prossimo figliol prodigo! Magari mi faccio anche un bel mangianastri sul V8. Chi ha detto che la musica non si vende? Non è vero! Altro che YouTube Festival! Streaming? Roba da democrazia, roba da repubblica.

Commenti

Commenti

Condivisioni