Cinema

Perchè gli Oscar rischiano di essere sconvolti dalla coppia più “pericolosa” di Hollywood

jennifer-lawrence-joy-follie

“Siamo la coppia più pazza del mondo” potrebbero cantare l’attrice Jennifer Lawrence e il regista David O. Russell, riprendendo la celebre canzone di Adriano Celentano e Claudia Mori. E sì, perchè Lawrence e Russell – che si sono ritrovati a lavorare insieme per Joy – ne hanno combinate delle belle negli anni, dimostrando di avere entrambi un caratterino tutto pepe. Chissà se riusciranno a trattenersi alla prossima cerimonia di consegna degli Oscar, che rischia di essere sconvolta dalla coppia più “pericolosa” di Hollywood.

Come detto, l’occasione per tornare a fare bisbocce insieme – dopo l’esperienza di Il lato positivo – è stato senz’altro il set di Joy, il nuovo film del regista più bizzoso e “cazzone” (il secondo aggettivo se lo è auto attribuito tempo fa lo stesso Russell) di Hollywood e l’attrice più premiata degli ultimi anni sull’intero globo terracqueo. In uscita ora nelle sale italiane e candidato a un premio Oscar grazie alla stessa Lawrence, è una sorta di fiaba contemporanea dove la bella Jennifer è una Cenerentola 2.0 con ambizioni imprenditoriali. L’esclusione della pellicola dalla corsa all’Oscar per miglior film ha suscitato questa reazione di Jennifer: «David non è di certo guidato dai premi nel lavoro che fa. Non è una persona meschina. Tutti hanno lavorato duramente a questo film a mio parere. Ed è un film così personale per David».

Eppure, tornando a follie e affini, non si può certo dire che sul set sia filato proprio tutto liscio. Stando ad alcune indiscrezioni, tra David e JLaw ci sarebbe stato più di qualche screzio. Russell e Lawrence avrebbero litigato in maniera molto dura e un testimone della scena ha raccontato di urla, insulti e addirittura frasi sacrileghe. Ma i rumors sono stati smentiti dalla stessa attrice, che su Facebook li ha bollati come “terribili pettegolezzi”. I due infatti, secondo lei, stavano solo provando una scena di litigio che Jennifer avrebbe dovuto girare di lì a poco. Nell’occasione JLaw ha anche ricordato che David è uno dei suoi migliori amici (nonostante il trentennio abbondante che li separa a livello anagrafico) nonché il professionista più talentuoso col quale abbia lavorato che non meritava la cattiva pubblicità che ha spesso ricevuto. Eh sì, perché a Hollywood sanno tutti che con David è meglio non litigare. Si rischia di essere presi a pugni o di venire pesantemente insultati. Nel 1999 il regista fu protagonista di una memorabile scazzottata nientepopodimeno che con George Clooney sul set del non altrettanto memorabile Three Kings. Nel 2004 spazio invece a una sfuriata che i testimoni definirono “epocale” all’indirizzo di Dustin Hoffman sul set di I love Huckabees. Senza contare il mitico scontro con Lily Tomlin immortalato da un cameraman dispettoso.

JLaw ha dunque difeso David e attaccato i giornalisti, cosa che in passato le è accaduto più di una volta, anche recentemente. L’ultimo episodio in ordine di tempo è avvenuto durante la conferenza stampa per i vincitori dei Golden Globes. La colpa del reporter? Quella di guardare in continuazione lo schermo del suo smartphone mentre le porgeva una domanda. “Non puoi vivere la tua vita dietro a un telefono” le ha detto lei. Il giornalista però ha continuato la sua domanda e ha fatto riferimento agli Oscar, ma l’attrice sempre più indispettita lo ha interrotto nuovamente dicendo: “Qui siamo ai Golden Globes. Dovresti mettere giù il telefonino e dovresti saperlo”. E chissà se il povero giornalista ha capito il “consiglio” di JLaw… già perché la sua attenzione al cellulare era motivata dal fatto che era straniero e non parlando benissimo l’inglese voleva essere sicuro di leggere bene la domanda.

Insomma, la stizzosa Jennifer voleva tutti gli sguardi per lei e soprattutto nessuna disattenzione. E lei di attirare l’attenzione se ne intende, e riesce a farlo in modi molto inusuali, come in questo video, introdotto da Conan O’Brien nel suo show in tv, nel quale si muove come un’ossessa sul suo letto, tanto da slogarsi un dito.

1Tra un “sono sempre ubriaca”, confessato una volta ai giornalisti, e una bacchetta per il sushi che trova strane collocazioni dopo una cena con la madre a un ristorante giapponese, non si può certo dire che Jennifer sia un tipino tranquillo e moderato.

Eppure, Jennifer sembra aver avuto il potere di tranquillizzare un pochino Russell. I due si sono incontrati nel 2012 per Il lato positivo e non si sono più mollati. Il colpo di fulmine artistico è proseguito anche con American Hustle e poi ora con Joy. Il David burrascoso e maniacale sembra aver lasciato posto a un altro David più scanzonato. “Lavorare a Joy è stato un po’ difficile”, ha raccontato JLaw. “Anche David è un buffone come me. Invece di concentrarci, passavamo il tempo a fare video da mettere su YouTube. David ha un serio problema di deficit dell’attenzione, e se non ci fosse stato Bradley Cooper a rimetterci in riga il film non lo avremmo mai finito”.

E metterla in riga non è certo semplice. Non ci è riuscito Conan O’Brien, sempre lui, costretto ad assistere a un’esibizione di The Hanging Tree con l’ascella e a una discutibile versione canora di Believe di Cher.

Jennifer è un tipo così, prendere o lasciare. Durante un “delicatissimo” marshmallow challenge tra i protagonisti di Hunger Games su Mtv ha sfidato il collega Liam Hemsworth: “Scommetti che riesco a metterne in bocca otto?”, prima di confessare non solo di non lavarsi mai le mani dopo essere andata in bagno, ma anche di fare la pipì nel lavandino.

Insomma, quella tra Jennifer e David è una combinazione davvero esplosiva e per certi versi pericolosa. Ma come ben sanno entrambi, l’importante è vedere “il lato positivo”.

 

Commenti

Commenti

Condivisioni