Festival di Sanremo 2014

Frankie Hi-NRG a Sanremo: «Sono un’artista a chilometri zero»

frankie-hi-nrg-festival-di-sanremo-2014

Frankie Hi-NRG ritorna al Festival di Sanremo con due brani inediti e un album, Esseri Umani, in uscita il 20 febbraio su etichetta indipendente. Ecco le sue aspettative. Foto di Alfonso Catalano.

Esseri umani è il nuovo (e atteso) disco di Frankie HI-NRG MC, in uscita il 20 febbraio su etichetta Materie Prime Circolari. Sette inediti, fra cui Un uomo è vivo e Pedala, i pezzi con cui il rapper parteciperà al festival di Sanremo fra pochi giorni. Brani attraverso i quali vuole svelare i risvolti più profondi dell’”essere umani”, appunto.

Lo abbiamo incontrato a Milano in occasione della presentazione del suo nuovo disco. E anche del suo ritorno sul palco dell’Ariston. Del quale è felice: “Mi piace l’idea di poter essere protagonista, insieme alle mie due canzoni, di un così grande spettacolo”, spiega. “La novità è che questa volta mi presento da indipendente e non vedo l’ora di essere lì, perché alla fine i 5 minuti sul palco sono la parte più rilassante di un lungo lavoro”.

Unico rappresentante del suo genere, il rap, Frankie conserva la solita tagliente ironia, ma sempre con lo sguardo attento  a cogliere i tanti aspetti di una società in crisi, a partire dai sentimenti. “Siamo sovrani di noi stessi”, spiega con convinzione. “Responsabili di ciò che facciamo per noi, dunque per gli altri. Dobbiamo rendere disponibile la nostra individualità e capire che quello che conta è il risultato collettivo finale”.

La reciprocità umana è tema centrale in Esseri umani, brano omonimo dell’album. Ma anche in Pedala, canzone in gara a Sanremo, in cui il rapper racconta la vita come una corsa in bicicletta tra salite, discese e cadute: “Studiando la nomenclatura dei componenti della bici e la fisica del meccanismo della pedalata, ho scoperto assonanze e immagini vivide (“se è libero il pignone lo sceglie la corona, che attraverso una catena condiziona il moto del sistema: monarchia meccanica che ha giurato fede eterna alle leggi della fisica”)”. Appare soddisfatto dell’esperimento ben riuscito.

Ritmo e amarezza in L’ovvio, in cui il cantante elenca una serie di clichet (ovvi in quanto tali) a cui molti adulti sottopongono le giovani generazioni così privandole di autonomia e indipendenza. Più intima e personale Un uomo è vivo: “I miei genitori non ci sono più”, ha raccontato. “All’inizio quando andavo a casa loro mi sembrava di trovare solo oggetti morti una volta appartenuti a loro ed ora miei, ma poi mi sono accorto che raccontano la mia storia e quella della mia famiglia e, paradossalmente, quel luogo è diventato brulicante di vita”.

Nessuna preferenza fra i due brani che lo accompagneranno nell’avventura sanremese: “Li avevo consegnati tutti alla commissione, loro hanno scelto questi e devo dire che entrambi mi rappresentano al cento per cento”, ha detto. “Solo la grande soddisfazione per il traguardo raggiunto con la sua etichetta: “La cosa migliore che possa fare un artista per se e per il pubblico è diventare indipendente, trasformandosi in un artista a chilometri zero”. Con tutte le responsabilità che questo implica e che lui sembra felice di prendersi. Come esempio per se, ma anche per gli altri.

In bocca al lupo.


Frankie Hi-Nrg – Saluti per Onstage on MUZU.TV.

Commenti

Commenti

Condivisioni