Notizie

Foto Jamiroquai Piazzola sul Brenta 21 luglio 2011

Tutte le foto di Jamiroquai live @ Piazzola sul Brenta

Jamoroquai fa rima con Jay Kay, e non è solo una questione di metrica. La leadership di Jason è assoluta e il carisma che mostra sul palco, rafforzato da quel suo modo di ballare, è più che una prova anche per chi non conosce la sua storia. Si è appena ripreso dalla distorsione alla caviglia che l’ha costretto a cancellare le ultime due date del tour europeo, ma a Villa Contarini sembra in piena forma (è il primo dei tre concerti italiani di luglio). Neanche i problemi dei microfoni di palco, che hanno causato un vistoso ritardo rispetto all’inizio programmato e che non saranno mai risolti del tutto nel corso della serata, hanno più di tanto toccato Jay Kay. Conoscendo il personaggio, la sua generosità è davvero sorprendente: autografa continuamente dischi, magliette, asciugamani, bandiere, il tutto senza mai interrompere l’esibizione – solleva addirittura sul palco un ragazzino per fargli assaporare qualche attimo di adrenalina.
La band è quella del tour indoor. Specialmente le tre coriste e i tre fiati sembrano far lievitare la qualità della performance. Se poi parte Cosmic Girl come si fa a stare fermi? C’è molto spazio per i brani del suo ultimo disco (Rock Dust Light Star), da Blu SkiesHurtin passando per il primo singolo White Knucle Ride, che strizza l’occhio agli anni Settanta mentre chiude il concerto insieme a Feels Just Like It Should. Chi si aspettava la sfilata di cappelli eccentrici è rimasto deluso: Jay si è presentato con un semplice borsalino nero ed è rimasto così per tutto il concerto. Ma l’unica nota davvero stonata l’ha “regalata” l’impianto audio: equalizzazione nulla, bassi esagerati, e schermi video con una definizione molto approssimativa. (Tommaso Perandin)

Commenti

Commenti

Condivisioni