Foto Gallery

Un anno di musica: tutto quello che dobbiamo ricordare del 2014

Vasco tour 2015 live kom concerti stadi

Si chiude il 2014. È stato un anno intenso per la musica, dodici mesi che hanno portato con sé un grande numero di eventi, concerti, annunci, notizie e aneddoti. Questo report riepiloga mese per mese i fatti musicali degni di nota, quelli che maggiormente hanno caratterizzato l’anno appena trascorso e che ci resteranno impressi nella memoria.



GENNAIO

Il 2014 si apre all’insegna della Gran Bretagna. I Beatles sono i grandi protagonisti di un mese di celebrazioni, che culminano con una speciale esibizione di Paul McCartney e Ringo Starr ai Grammy Awards a 50 anni dallo sbarco dei Fab Four negli Stati Uniti. Ma anche gli U2 sono al centro della scena, con un miniconcerto di beneficienza per Haiti e la vittoria del Golden Globe come miglior canzone originale con Ordinary Love, tratta dal biopic su Nelson Mandela. Sul fronte americano iniziano a girare voci insistenti sul nuovo album dei Foo Fighters, mentre High Hopes vede la collaborazione in studio tra Bruce Springsteen e Tom Morello. E proprio uno dei massimi ispiratori del Boss (e di Bob Dylan e molti altri), il grande folk singer Pete Seeger, scompare a 94 anni. I Grammy sono dominati da Daft Punk e Macklemore, mentre viene confermata la condanna in appello a 4 anni per omicidio volontario del medico di Michael Jackson.

Commenti

Commenti

Condivisioni