Interviste

Alessandra Amoroso: «Amore puro è dedicato ai miei fan»

alessandra-amoroso-amore-puro

Amore puro, il nuovo disco di Alessandra Amoroso, si avvale della produzione artistica di Tiziano Ferro e Michele Canova ed è stato registrato tra Milano e Los Angeles. Ma è un lavoro dedicato soprattutto ai fan, come lei stessa ci ha raccontato. (Foto Gianmarco Chieregato)

E’ già arrivata al quarto disco in studio Alessandra Amoroso. Dalla vittoria ad Amici di Maria De Filippi nel 2009 a questo Amore puro ne è passata di acqua sotto i ponti. Intanto la Sandrina intimorita, insicura e timidissima degli esordi non c’è più. Arriva bella sgargiante e carica in conferenza, pronta a raccontarci senza bisogno di troppi input l’esperienza che l’ha vista andare negli States e lavorare insieme a Tiziano Ferro, Michele Canova e Biagio Antonacci. Una sola cosa non è cambiata, la sua irresistibile simpatia.

Com’è nato questo progetto?
E’ stata Maria (De Filippi, ndr) a chiedermi se mi sarebbe piaciuto lavorare insieme a Tiziano Ferro. Dopo lo shock iniziale ci siamo sentiti per telefono e incontrati, è stato un impatto emozionalmente importante, io Tiziano lo avevo sempre visto solo sulle copertine! E’ stato bellissimo lavorare con lui, mi ha tranquillizzato e ha fatto in modo da subito di farmi sentire a mio agio. Nel mio vocabolario la parola tranquillità non esiste, sono frenetica e maldestra, lui invece mi ha aiutato ad adattarmi a un modo di lavorare attento, concentrato e senza rilassamenti eccessivi che ancora non avevo sperimentato.

In questo disco hai scritto anche tu un pezzo e hai esplorato diversi lati della tua vocalità. Ne prediligi uno ad altri?
No a me piacciono varie cose, cerco sempre di accontentare tutti, una parte del mio pubblico voleva un pezzo più black, più soul e così abbiamo inciso Starò meglio, ma non preferisco un genere a un altro, io sono anche quella delle ballate e delle canzoni intime. Ho scritto qualcosa per la canzone Da casa mia, a dire il vero scrivo spesso ma mi vergogno abbastanza dei miei testi, non ci fosse stato Tiziano a spronarmi e a dirmi di mettere qualcosa di mio in un pezzo, che comunque sento moltissimo perchè parla del mio bellissimo Salento, non mi sarei mai azzardata a farlo.

C’è anche una collaborazione con Biagio Antonacci su Non devi perdermi.
E’ stato roccambolesco anche questo incontro, ci siamo trovati a Roma e ho ascoltato per la prima volta la canzone che Biagio aveva scritto direttamente da lui, seduto al pianoforte presso lo studio di Pino Daniele. Devo dire che abbiamo più parlato del Salento che della canzone stessa, si è dimostrato davvero una persona eccezionale, l’artista della porta accanto per capirci. Un’altra cosa bellissima che mi rimarrà di quest’esperienza è proprio vedere come lui e anche Tiziano siano persone alla mano, umili e sempre pronti a starti vicino e a consigliarti, nonostante siano delle star affermate che potrebbero fare tutto ciò che vogliono.

Hai anche detto che questo album è per i tuoi fan, persone con cui hai un rapporto strettissimo anche grazie ai social network.
E’ così. Sono devota al mio pubblico, è soprattutto grazie a loro se sono quel che sono. Cerco di stare vicino ai miei fan con Twitter, che apprezzo molto nonostante non capisca molto di internet in generale. Mi piace l’idea di poter fare sapere loro in qualsiasi momento della mia giornata come si svolge la mia vita, che non è diversa dalla loro perchè non c’è alcun distacco tra di noi.

Commenti

Commenti

Condivisioni