Interviste

Il Teatro degli Orrori: L'Italia è schiava della pigrizia intellettuale

Nei camerini dell’Alcatraz, Pierpaolo Capovilla parla di tutto: dalla produzione e scrittura de Il Mondo Nuovo – un album di grande successo sia di critica che di publico – all’edonismo berlusconiano e la schiavitù culturale a cui è ridotta l’Italia.

Foto-concerto-Il-Teatro-degli-orrori-live-Alcatraz-Milano-29-marzo-2012_PrandoniNei camerini dell’Alcatraz, pochi minuti prima del concerto milanese del Teatro degli OrroriPierpaolo Capovilla parla di tutto, con una presa di coscienza che in questa Italia pochissimi artisti hanno.

A partire dal concetto di band e di democrazia che regna nel Teatro, Pierpaolo spiega come la Cultura sia l’obiettivo di un lavoro artistico che focalizza l’attenzione sui nostri tempi, su questo stato di cose e l’emarginazione di una figura come l’imigrante che subisce lo stato non più sociale del nostro paese.

Una chiacchierata aperta, che tocca anche  dalla scrittura del nuovo album, Il Mondo Nuovo, il grande successo – sia di critica che di publico – portato anche dai giovanissimi che popolano il sottopalco dei concerti del Teatro degli Orrori, per finire con l’edonismo berlusconiano e la schiavitù culturale dell’Italia.

Clicca qui per guardare tutte le foto de Il Teatro degli Orrori live @ Alcatraz, Milano, 29 marzo 2012.

————————————————————————————————————–

Il Teatro degli Orrori è un gruppo alternative rock italiano nato nel 2005. Il nome della band si ispira al teatro delle crudeltà di Antonin Artaud.

Il gruppo prende vita nell’inverno del 2005. All’inizio prendono parte al progetto Pierpaolo Capovilla (frontman degli One Dimensional Man), Francesco Valente (One Dimensional Man del post Dario Perissutti) e Gionata Mirai (voce e chitarra dei Super Elastic Bubble Plastic). In seguito ha poi aderito anche Giulio Favero (ex One Dimensional Man), completando la formazione.
Il 6 aprile 2007 viene pubblicato il loro primo album, intitolato Dell’impero delle tenebre. Il 20 giugno 2008 hanno partecipato all’Heineken Jammin’ Festival al fianco dei Linea 77.
Il gruppo ha partecipato al progetto Il paese è reale. Il 25 marzo 2009 è uscita la compilation Afterhours presentano: Il paese è reale (19 artisti per un paese migliore?) voluta da Manuel Agnelli degli Afterhours in seguito alla partecipazione del suo gruppo al Festival di Sanremo 2009, per sostenere e promuovere le realtà indie rock della scena underground italiana, a cui il Teatro degli Orrori partecipa con una canzone dal titolo Refusenik, ispirata alle vicende degli obiettori di coscienza israeliani che rifiutano di imbracciare le armi in segno di protesta contro l’occupazione dei territori palestinesi.
A distanza di due anni dal precedente Dell’impero delle tenebre nel 2010 è uscito l’album A sangue freddo pubblicato nuovamente dall’etichetta La Tempesta Dischi. La canzone che dà il titolo all’album è dedicata a Ken Saro-Wiwa, poeta nigeriano ucciso nel 1995. L’album è stato ben accolto dalla critica e definito “meno grezzo e immediato” del precedente lavoro. Ad inizio 2010 la band cambia formazione: Giulio Favero abbandona ed entrano a farvi parte il polistrumentista Nicola Manzan (chitarra, violino, synth) e Tommaso Mantelli al basso. Nel giugno salgono sul palco degli MTV Days 2010. Nel marzo 2011, sulla sua pagina Facebook, Capovilla comunica l’abbandono del chitarrista Manzan e del bassista Mantelli. Non sono date notizie sui sostituti, tranne che per il rientro al basso di Giulio Favero.
Il 22 luglio 2011 Giulio Ragno Favero annuncia su Facebook che il gruppo sta iniziando le registrazioni per il terzo album nella sua formazione originaria. Il 25 novembre 2011 il gruppo ha annunciato l’uscita de Il mondo nuovo prevista per il 31 gennaio 2012. L’album è composto da 16 tracce, dalla durata totale di quasi 70 minuti. Dal 6 marzo 2012 il gruppo è in tour per promuovere l’album Il Mondo Nuovo e durante i live i membri della band sono accompagnati da altri due musicisti: Kole Laca (2Pigeons), che suona synth e rhodes, e Marcello Batelli (Planet Brain, Non voglio che Clara) che suona la chitarra.

Fonte: Wikipedia

Commenti

Commenti

Condivisioni