Interviste Video

Intervista video a Pino Daniele: La Grande Madre è un progetto rischioso ma totalmente libero

Martedì 20 marzo esce il nuovo album di Pino Daniele, La Grande Madre. Un titolo fortemente simbolico, che allude «al viaggio che ognuno di noi spera di intraprendere  per un futuro migliore» come lo stesso musicista napoletano ha scritto per spiegarne il senso. «Per me la Grande Madre è il sangue misto della  musica, è il cordone ombelicale  che ci lega ai quattro elementi del pianeta, è il codice per entrare a far parte della rinascita ed il rinnovamento dello spirito ogni qual volta le note cercano di comunicare».

Durante l’intervista, che ci ha rilasciato a margine della conferenza con cui ha presentato alla stampa il suo nuovo progetto artistico, Pino ha parlato della «nostalgia per un periodo fertile come gli anni Settanta», del duetto con Eric Clapton (Wonderful Tonight, storica hit del chitarrista inglese, è presente dentro La Grande Madre con un testo in italiano scritto da Pino stesso), del suo concetto di libertà artistica – ha autoprodotto il suo nuovo disco – e della presenza della musica in televisione e in radio.

La Grande Madre è il 25esimo disco in studio di Pino Daniele, il terzo in quattro anni dopo Electric Jam (2009) e Boogie Boogie Man (2010). L’esordio di Pino è datato 1977 con l’album Terra mia. Da quel momento il musicista campano ha attraversato cinque decenni, scrivendo alcune delle pagine più belle nella storia della musica italiana grazie alla sua versatilità: blues, rock, funk, pop, canzone napoletana, Pino ha sperimentato generi e stili musicali differenti senza mai dimenticare che il segreto per raggiungere il grande pubblico sono le grandi canzoni. Non a caso la sua carriera è costellata di hit, alcune delle quali incise con grandi artisti italiani e internazionali, da Zucchero al grande pianista jazz Chick Corea, da Ligabue a Eric Clapton.

Il 24 marzo comincia il tour europeo di Pino Daniele. Clicca qui per tutte le date italiane.

Commenti

Commenti

Condivisioni