Interviste

Luca Carboni: «Con Fisico & Politico celebro trent’anni di carriera»

luca-carboni-fisico-e-politico

Luca Carboni con Fisico & Politico celebra trent’anni di carriera, con un’uscita che presenta tre inediti e nove duetti d’eccezione, con alcune delle star più luminose della musica italiana.

Luca Carboni dice di non essere tipo da celebrazioni. Tuttavia a giudicare la lista di ospiti presenti su Fisico & Politico qualche dubbio può effettivamente venire: Alice, Antonacci, Battiato, Bersani, Bosè, Cremonini, Fibra, Ferro, Elisa, Jovanotti e Ligabue come autori. E’ l’artista stesso a spiegare com’è nato questo progetto…
Inizialmente doveva essere un disco in cui ricantavo alcuni vecchi cavalli di battaglia. Ne parlai parecchio col mio produttore Michele Canovi e col tempo mi venne l’idea di fare un album molto aperto, un lavoro a cui partecipasse chi ha amato davvero determinati pezzi scegliendo liberamente di re-interpretarli. Il resto è venuto naturalmente, a parte gli amici come Lorenzo (Jovanotti), Biagio Antonacci e Samuele Bersani, è stato bello coinvolgere anche persone con cui non avevo confidenza, come Elisa o Alice, interessandomi di realtà non a me vicine.

Qualcuno ha rifiutato? Ci sono state più richieste su una stessa canzone?
Incredibilmente no. Pensavo avremo avuto qualche problema, invece nel giro di poco tempo avevamo già gli ok e le canzoni prescelte, nessuno ha domandato un brano chiesto già da altri. Certo, limitare il numero delle canzoni ha aiutato, ma abbiamo anche dovuto accantonare il progetto che originariamente prevedeva un ordine cronologico nell’ordine dei pezzi estratti dai miei dischi; lasciando libertà di scelta, alla fine sono rappresentati solo gli album pubblicati tra l’omonimo del 1987 e Mondo del 1995. Ho provato a insistere con Samuele (Bersani, ndr) per duettare con lui su un brano del primo disco, tuttavia alla fine non ci siamo riusciti e abbiamo fatto Gli Autobus di Notte. Alla fine è giusto così, questo è un disco forte proprio perché tutti gli ospiti hanno qualcosa di forte legato alla scelta del pezzo da interpretare.

Difficile per te quindi dirci quale pezzo risulta più cambiato rispetto all’originale?
L’opera voleva rispettare le caratteristiche dei brani originali, chiaramente risuonandole utilizzando il sound di oggi fa sì che molti arrangiamenti risultino diversi rispetto a prima, arricchiti in un certo senso in potenza. Silvia lo sai con Franco Battiato o Inno nazionale con Miguel Bosé sono rivisitazioni forti e molto incisive (oltre a essere probabilmente i due pezzi migliori del lotto, ndr). Ci sono anche tre inediti che mi soddisfano, a partire da Fisico & Politico cantata con Fabri Fibra, a C’è Sempre una Canzone che Luciano Ligabue ha scritto per me fino alla ballad intima Dimentica.

Hai già pensato a come portare in tour questo progetto?
Ne stiamo parlando proprio in questi giorni con F&P, nei primi mesi del 2014 farò un tour nei teatri e penso che ogni tanto qualche ospite presente nel disco riuscirà a partecipare ai concerti. Stiamo anche provando a vedere se è possibile organizzare una serata unica dedicata a questo progetto, in cui mettere insieme tutti i protagonisti che hanno duettato con me in un’unica notte. C’è anche interesse televisivo per un evento del genere, abbiamo appena iniziato a discuterne ma la volontà nel realizzarlo c’è eccome!

Commenti

Commenti

Condivisioni