Notizie

10 momenti memorabili di Bruce Springsteen sul palco

10 Momenti memorabili di Bruce Springsteen sul palco
di Claudio Morsenchio
Foto di Roberto Panucci

L’interminabile carriera di Bruce Springsteen è costellata da momenti emozionanti vissuti on stage. Ne abbiamo voluti riassumere dieci, secondo noi memorabili sia dal punto di vista musicale che sociale, ove il contesto spesso risulta significativo alla pari della performance sul palco. Visto le centinaia di show in tutto  il pianeta, ci scusiamo in anticipo per averne tralasciati alcuni a vostro avviso altrettanto significativi. L’ordine seguito è strettamente cronologico e ripercorre episodi indimenticabili in oltre quarant’anni di esplosive performance live. Un buon modo di prepararsi al suo ritorno in Italia il 3 e 5 luglio a San Siro e il 16 a Postepay Sound Rock In Roma.

1. Londra, Novembre 1975
Nell’anno di uscita dello storico Born To Run, il Boss per la prima volta sbarca nel Regno Unito e, in un gremito Hammersmith, sfodera uno dei concerti più intensi di tutta la sua carriera. Lo show, con la formazione storica della E Street Band, entra nella storia del giovane Bruce con un’esecuzione emozionante (quasi a luci spente) di Thunder Road , uno dei pezzi più importanti di tutta la sua discografia.

2. Los Angeles, Agosto 1981
Bruce, da sempre legato a temi riguardanti  la guerra in Vietnam, ha supportato fin dagli inizi la VVA (Vietnam Veterans Association) che si occupa dei reduci della guerra. Nell’estate del 1981, per raccogliere fondi a favore dell’associazione, Springsteen organizza a Los Angeles uno spettacolare show. Il concerto (sold out) passerà alla storia come uno dei più incandescenti e poetici. Da questo momento Who’ll Stop The Rain dei Creedence Cleawater Revival sarà una delle cover più suonate da Springsteen, proprio in ricordo di questo show.

3. Milano, Giugno 1985
Definito come “La Prima alla Scala”, il primo concerto del Boss a San Siro è uno dei momenti live più memorabili in assoluto. Ricordato come un concerto culto venerato da grandi e piccini, ha segnato lo sbarco in Italia del Born In The UsaTour e ha dato vita a una prestazione epocale, merito anche di una spettacolare versione di Twist & Shout e Rockin All Over The World a fine show.

Banner_Poste_Springsteen

4. Philadephia, Settembre 1987
Nel tour del fortunato  Ruttle & Hum, gli U2  ospitano sul palco un festante Boss, eseguendo insieme una vibrante versione di Stand By Me. Bono in grande spolvero vocale, ma con il braccio sinistro fasciato, invita Bruce accanto a lui duettando per la prima volta dal vivo e suggellando uno degli incontri rock più esaltanti di sempre.

5. Berlino Est, Luglio 1988
«Non sono venuto qui per cantare a favore o contro alcun governo, ma soltanto per suonarvi del rock’n’roll, nella speranza che un giorno tutte le barriere possano essere abbattute». Springsteen apre così un concerto gratuito e semplicemente maestoso, davanti a 300.000 persone, in condizioni precarie di palco e di suono, scortato da una flotta di militari della DDR. Il concerto rappresentò uno degli omaggi alla libertà più emozionanti dell’epoca, a pochi mesi del crollo del Muro.

6. Torino, Settembre 1988
Lo show è una delle tappe del tour di Humans Right Now!, organizzato per celebrare il quarantesimo anniversario della costituzione della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo e per raccogliere fondi per l’organizzazione Amnesty International. Uno dei momenti più importanti della serata vede l’esecuzione di Chimes Of Freedom di Bob Dylan condivisa on stage con artisti del calibro di Sting, Peter Gabriel, Tracy Chapman e Youssou Ndour.

7. Cleveland, Settembre 1995
Springsteen apre la pomposa cerimonia del  Rock&Roll Of Fame con un mitico duetto accanto a Chuck Berry (in persona!) trascinando l’intero stadio in una splendida riedizione di Johnny B. Goode. Il Boss, intimidito dalla presenza mitologica di Berry, si fa in disparte, lasciando il palco al genio del rock & roll in perfetto completo bianco, che trascina la E Street band in una suadente session tutta da ballare.

8. Milano, Giugno 2003
Il ritorno dopo quasi vent’anni a San Siro segna un’ulteriore momento memorabile per i fan italiani. Il concerto in uno stadio strapieno, ha il suo apice quando un terribile temporale estivo si scaglia sulla serata. Il Boss, coperto da un cappello bianco, invita tutti a restare a ballare sotto il palco. La gente lo segue senza indugi e, passata la pioggia, la scaletta (come spesso accade) si allunga, superando le tre ore di concerto e finendo con una spettacolare versione di Rosalita.

9.Washington, Gennaio 2009
Dopo un lungo sostegno da parte di Bruce, Obama viene eletto Presidente degli Stati Uniti. Al momento dell’insediamento al Lincoln Memorial Concert, Springsteen duetta con uno dei suoi riferimenti musicali, Pete Seeger, cantando il traditional per eccellenza: This Is Your Land di Woody Guthrie. La canzone – riferimento per intere generazioni – viene eseguita in acustico con un supporto di un magnifico coro gospel davanti a migliaia di spettatori infreddoliti.

10. Londra, Giugno 2013
In uno degli show più applauditi degli ultimi anni svoltosi al Queens Elizabeth Park, il Boss invita a ballare sul palco la mamma in un uno dei momenti più toccanti per lui e per la sua famiglia (ma anche per noi fan). La canzone scelta è ovviamente Dancing In The Dark. Springsteen, nel bel mezzo del del pezzo, si reca nel back stage e ritorna con a braccetto mamma Adele, portandola al centro del palco e invitandola a danzare teneramente accanto a lui.

Commenti

Commenti

Condivisioni