Notizie

Grossi guai per il batterista degli AC/DC: Phil Rudd accusato di aver commissionato un omicidio

ac-dc-band

Lo storico batterista degli AC/DC Phil Rudd è stato arrestato (e poi rilasciato su cauzione) in Nuova Zelanda. E’ accusato di istigazione all’omicidio e possesso di droga.

AC-DC-Phil-Rudd

Ha dell’incredibile la notizia che arriva dalla Nuova Zelanda: il batterista degli AC/DC Phil Rudd è stato accusato di istigazione all’omicidio, minacce e possesso di droga (nello specifico, cannabis e metanfetamine). La polizia ha fatto irruzione nella sua casa sua di North Island, per condurre Rudd in tribunale nel distretto di Tauranga. Secondo l’accusa, l’artista avrebbe ingaggiato due sicari per uccidere un uomo (non si sa chi). Il musicista si è dichiarato innocente ed è stato rilasciato dopo aver pagato la cauzione. Una nuova udienza è già stata fissata per il 27 novembre.

Gli AC/DC non hanno al momento commentato l’accaduto, tuttavia l’assenza di Rudd in occasione delle riprese dei video promozionali girati a inizio ottobre a Londra dal gruppo, aveva già fatto discutere i fan, oltre a porre seri interrogativi sulla sua presenza alla sezione ritmica per il tour mondiale che la band dovrebbe intraprendere nel 2015.

Se le accuse fossero confermate, Rudd potrebbe essere condannato a 10 anni di carcere. Per gli AC/DC non sarebbe la prima volta senza il batterista, che aveva lasciato la band per dieci anni nel 1983. La sua sarebbe la seconda defezione dopo quella tristemente annunciata da mesi del chitarrista Malcolm Young. E la stessa band ha dichiarato che nessuno dei progetti futuri è in dubbio.

Commenti

Commenti

Condivisioni