Notizie Speciali

Bob Marley film documentario al cinema il 26 giugno 2012

Bob Marley film documentario cinema 26 giugno 2012Arriva nei cinema  – ma solo il 26 giugno – Marley, il film documentario definitivo sulla vita del grande artista. Nonostante il mondo occidentale lo abbia glorificato per le sue canzoni, Bob Marley era molto più che un musicista. Forse la sua figura non è stata del tutto compresa, motivo per cui accogliamo con gioia il documentario di Kevin Macdonald che si concentra sul lato umano dell’eroe giamaicano (nei cinema solo il 26 giugno).

Escludendo il velocista Usain Bolt e quello spassoso film intitolato Cool Runnings sulla storia della Nazionale di bob a quattro, la Giamaica è nota nel mondo grazie ad uno dei suoi figli, nato nel 1945 e morto prematuramente nel 1981. Musicista, profeta, icona del reggae, calciatore mancato, filosofo (per molti) e fattone (per pochi), Robert Nesta Marley ha lasciato un solco necessario e insostituibile nel XX secolo diventando simbolo di pace e fratellanza con un genere musicale di cui ancora oggi è l’icona. Documentari sulla sua vita ne sono stati realizzati molti e, a poco più di 30 anni di distanza dalla sua scomparsa, arriva quello che riesce a dare un profilo definitivo al lato umano e spirituale dell’artista. Semplicemente intitolato Marley, questo film è diretto in terza battuta da Kevin Macdonald (premio Oscar nel 2000 per il documentario Un giorno a settembre), dopo la rinuncia a progetto avviato di Martin Scorsese prima e Jonathan Demme poi. Macdonald ha trascorso molto tempo a contatto con i più stretti amici e familiari di Bob Marley, le cui testimonianze sono l’elemento decisivo. Su tutti il figlio maggiore Ziggy, che da parecchi anni desiderava essere coinvolto in qualcosa in grado di rappresentare degnamente il padre. «Ecco perché questo documentario è diverso dagli altri» racconta lui. «Qui non si glorifica la leggenda del cantante, si esplora anche il lato emotivo di mio padre. Tutte le persone intervistate lo conoscevano personalmente e intimamente».

«Quando ha visto la versione finale del montaggio, Ziggy ha pianto» ricorda Macdonald, commosso dalla gratitudine dimostrata dal primogenito di Bob. «Mi ha detto che questo è il film che avrebbe voluto far vedere ai suoi figli e nipoti, perché capissero quanto grande fosse il loro nonno». Tra interviste e materiale d’archivio, Marley supera abbondantemente le due ore di durata senza che mai la noia riesca a cogliere lo spettatore. La densa e breve vita di Bob è tutta lì, narrata da chi l’ha visto ridere, piangere, crescere e morire. Lo stesso regista s’è fatto un’idea inequivocabile di chi fosse. «Non era un ipocrita come molte altre star che fingono di venire dalla strada e di capire il mondo quando in realtà vivono in una villa di Bel Air. Lui è sempre rimasto legato alle sue origini, conservando umiltà e modestia. Non ha mai lasciato la gente del ghetto ed è a loro che regalava molti dei suoi soldi».La musica ha portato la notorietà a Bob Marley, ma è l’anima dell’uomo che la lasciato un’indelebile traccia nella storia della razza umana. Il pensiero di quel giamaicano con i dreadlock continua a ispirare milioni di persone ed è anche merito suo se esiste una parte di mondo generosa, pacifica e rispettosa dei diritti umani. Il mito di Bob Marley, per le giovani generazioni, è esplorabile sul sito ufficiale bobmarley.com, mentre all’indirizzo bobmarleymagazine.com si trova il punto di riferimento italiano.

Marley arriva nei cinema in un’unica data il 26 giugno. Per scovare le sale italiane che lo hanno in programmazione bisogna consultare il sito marleyilfilm.it dove è attivo anche un servizio di prevendita. Non è escluso che la casa di distribuzione voglia intraprendere simultaneamente altre vie (forse digitali) per permettere la visione del film, creando così un evento di maggiore richiamo. Tra le frasi di grande significato pronunciate da Bob Marley c’è anche questa: «Some people can feel the rain, others just get wet». Nessuno riuscirà mai ad essere come Bob Marley, ma tutti possiamo sentire la pioggia se vogliamo.

Guarda la galleria di foto di Bob Marley, clicca in alto a destra (sopra il testo).

Commenti

Commenti

Condivisioni