Notizie

Bruce Dickinson: «Il punk era spazzatura. E Glastonbury lo lascio ai borghesi»

concerti-iron-maiden-italia-2014

Bruce Dickinson, cantante degli Iron Maiden, si è recentemente espresso senza filtri su due testate inglesi. Ecco le sue dichiarazioni.

Bruce Dickinson, cantante degli Iron Maiden, non è mai stato un tipo diplomatico. Recentemente è stato intervistato dal The Guardian e dal Daily Star e ha detto la sua riguardo al festival di Glastonbury, recentemente al centro delle polemiche di fan e media a causa della presenza nel bill della manifestazione dei Metallica: “Onestamente non ho alcun interesse ad andare a suonare a Glastonbury, era discretamente interessante quando era un festival davvero alternativo ma ora un posto in cui va Gwyneth Paltrow e in cui si può alloggiare in una tenda con l’aria condizionata è qualcosa che non fa assolutamente per me. Lascio volentieri Glasto alla borghesia e alla classe media, mentre il resto della plebe verrà in campeggio a Knebworth (al Sonisphere England, dove i Maiden suoneranno ndr), si berrà una birra e si divertirà un mondo”.

Bruce ha anche detto che non ha alcun interesse a essere famoso: “Non me ne frega niente, la fama è l’escremento della creatività, la gente pensa che noi ci cibiamo di questo escremento ma non è affatto così. Ci cibiamo di creatività, della passione della gente e di essere lì con loro quando ci esibiamo. Conta solo ciò che pensa la gente, non quello che la classe dirigente o i media ci dicono di pensare”.

A tal proposito, Dickinson ha anche attaccato il punk rock e l’establishment dell’arte di fine anni Settanta: “La classe dirigente e tutti i colti pensatori si sono realmente avvicinati al metal solamente con l’esplosione della musica punk. Lo hanno fatto solamente perchè il punk era spazzatura e loro potevano controllare e trarre profitto dalla spazzatura. In sostanza anche se i musicisti punk non sapevano nemmeno suonare i loro strumenti, era possibile ricondurre il tutto a una gigantesca performance dall’alto valore artistico. Più della metà di chi militava in band punk rideva di tutto questo, si prendeva i soldi pensando “vi fotteremo senza che nemmeno ve ne rendiate conto…”, anche se tutti loro avrebbero voluto militare in una band heavy metal ed essere circondati da pornodive”.

Commenti

Commenti

Condivisioni