Notizie

Cambio di rotta per il Calendario Pirelli: nell’edizione 2016 ci sono anche Patti Smith e Yoko Ono

calendario-pirelli-2016-patti-smith
di Francesca Vuotto
Foto di Mirko Cantelli

C’è anche un pezzo di mondo della musica nel Calendario Pirelli 2016: per la seconda volta, dietro la macchina fotografica il colosso degli pneumatici ha voluto la famosa Annie Leibovitz, che ha scelto di includere Patti Smith e Yoko Ono tra i volti immortalati per l’anno che deve venire.

Calendario Pirelli 2016, Patti Smith e Yoko Ono

Nella nuova edizione di The Cal – il più longevo dei calendari, esce dal 1964 – compaiono tredici donne di successo: «Abbiamo chiesto ad Annie di fare qualcosa di diverso e di raccontare la qualità delle donne di tutto il mondo. Donne che vengono da ovunque, da storie e ceti sociali differenti. È ciò che Pirelli pensa essere la bellezza e la bellezza sono le donne nella loro interezza dell’essere» ha detto l’AD Marco Tronchetti Provera durante la conferenza stampa di presentazione che si è tenuta a Londra.

Gli ha fatto eco Annie Leibovitz, che ha spiegato come ha approcciato diversamente la sfida rispetto alla volta scorsa: «Il Calendario del 2000 è stato un esercizio nella fotografia del nudo. Si trattava di un concetto semplice. Nel 2016 abbiamo fatto qualcosa di completamente diverso, ma allo stesso tempo semplice. È il classico set di ritratti in bianco e nero scattati in studio. Quando Pirelli mi ha contattato, mi hanno detto che desideravano intraprendere un percorso diverso rispetto al passato. Hanno suggerito l’idea di fotografare donne che in qualche modo si sono distinte. Ci siamo trovati d’accordo e l’obiettivo successivo è stato quello di essere molto diretta. Volevo che le fotografie mostrassero le donne esattamente come sono, senza artifici». Per la prima volta, per interpretare al meglio il concept, il calendario e la sua artefice hanno rinunciato (ma non del tutto) alle foto di nudo, da sempre uno dei tratti distintivi da sempre del calendario.

Insieme alla moglie di John Lennon e alla Sacerdotessa del Rock, sono state chiamate a rappresentare il mondo femminile la tennista Serena Williams, Kathleen Kennedy (Presidente di Lucasfilm e socia di Steven Spielberg), la modella Natalia Vodianova, l’attrice Amy Schumer, la collezionista d’arte e mecenate Agnes Agnus (Presidente Emerito del Moma), la scrittrice Fran Lebowitz, la Presidente di Ariel Investment Mellody Hobson, la regista Ava DuVernay, la blogger Tavi Gevinson, l’artista iraniana Shirin Neshat e, infine, l’attrice cinese Yao Chen.

Commenti

Commenti

Condivisioni