Notizie

USA, per le classifica dei singoli Billboard conteggerà anche YouTube

La fruizione di musica online è ormai una realtà dominante. Per questo d’ora in avanti la Billboard Top 100, la classifica dei migliori singoli del popolare magazine americano, terrà conto delle visualizzazioni ottenute dai brani su YouTube.

Classifica Billboard YouTube

Novità importante nelle classifiche statunitensi dei singoli. Billboard e Nielsen hanno deciso di aggiornare il metodo con cui calcolano i piazzamenti dei brani aggiungendo le visualizzazioni su YouTube – che si sommano dunque alle vendite fisiche e digitali, agli airplay radiofonici e allo streaming radio online. Ma non è tutto: perchè le classifiche terranno conto anche dei video caricati su YouTube da utenti che hanno avuto l’autorizzazione ad utilizzare una determinata traccia audio.

La novità aiuta in questo momento Harlem Shake di Baauer a piazzarsi in testa alla Billboard Top 100. Il video ufficiale del pezzo ha 103 milioni di visualizzazioni su YouTube, ma a queste vanno aggiunte quelle ottenute dalle clip che tantissimi fan hanno caricato sulla piattaforma di video streaming su invito dell’artista stesso.

Il direttore editoriale di Billboard, Bill Werde, ha così commentato: «Il significato della parola “hit” è in continuo cambiamento. Le nostre classifiche sono la misura definitiva del successo in musica e si evolvono costantemente per rispecchiare tutte le nuove esperienze musicali. Quando le classifiche sono state lanciate oltre 70 anni fa, una hit era definita dal numero di copie vendute da un singolo e dai suoi passaggi radio. Questi indici sono ancora validi, ma basta pensare a fenomeni musicali come CeeLo, Gotye, Psy e adesso Baauer per capire che un pezzo può essere una hit anche su YouTube».

I numeri di YouTube saranno usati anche per la classifica Billboard New Streaming Songs, che conteggia le statistiche da tutti i siti di streaming musicali.

Commenti

Commenti

Condivisioni