Notizie

Biglietti per Bruce Springsteen, Claudio Trotta passa ai fatti contro il secondary ticketing

claudio-trotta-polemica-biglietti-springsteen
di Francesca Vuotto
Foto di Francesco Prandoni

Oggi sono andati in vendita i biglietti per i concerti italiani di Bruce Springsteen e gran parte dei fan si è scontrato per l’ennesima volta con il problema del secondary ticketing. Loro, i fan del Boss, come chiunque da qualche anno a questa parte si accinga a comprare il biglietto per andare a vedere il live di qualche big internazionale. Aprono le vendite e… puf! In men che non si dica ci si sente rispondere che sono esauriti. In pochi minuti. Salvo poi tornare in circolazione, a prezzi improponibili, su siti che, di fatto, si occupano di bagarinaggio online.

La situazione sta diventando sempre più esasperata e in prima fila tra chi vuole combattere questa ingiustizia c’è Claudio Trotta, patron di Barley Arts e promoter italiano di Springsteen per l’appunto, che da anni denuncia questo problema, nocivo per artisti, fan, promoter – e questa volta è passato ai fatti.

Ancor prima che iniziasse la vendita dei biglietti dei concerti di Milano e Roma del Boss, nella giornata di ieri, ha inviato, tramite i suoi avvocati, una lettera di diffida ai principali siti che agiscono rivendendo illegalmente i biglietti dopo averli acquistati sul circuito TicketOne, contravvenendo, quindi, alle condizioni di acquisto riportate sugli stessi e a cui gli acquirenti sono tenuti ad attenersi. «Chiunque violi le disposizioni sopra citate non solo si rende responsabile di un adempimento contrattuale che darà origine ad un’azione civile per il risarcimento dei danni, ma verranno valutati altresì i presupposti per l’azione penale con ogni relativa conseguenza» si legge nel passaggio conclusivo.

L’iniziativa è stata lodata dai più, ma ha raccolto anche qualche critica, a cui Trotta ha risposto in maniera articolata:

…..allora….leggo i commenti alla mia iniziativa odierna e ringrazio chi ha apprezzato e che mi auguro sostenga in…

Pubblicato da Claudio Trotta su Lunedì 8 febbraio 2016

Ancora nulla è cambiato per il momento, visto che, come detto, questa mattina si è ripetuto l’ennesimo sopruso, con un’aggravante rispetto al solito: sono comparsi in vendita anche biglietti per il concerto di Roma, ufficialmente disponibili solo da sabato. Siamo quindi oltre quel che si immaginava, visto che evidentemente vengono spacciati per disponibili quando non lo sono ancora. Ma ci troviamo solo all’inizio di una nuova battaglia, che potrebbe finalmente far cambiare le cose, soprattutto se anche altri soggetti direttamente interessati si schiereranno al fianco di Trotta.

Commenti

Commenti

Condivisioni