Notizie

Altri concerti in arrivo a San Siro nel 2014? Il Comune si prepara

concerti-san-siro-2014

Sono già otto i concerti in programma a San Siro per il 2014. Vista l’importanza degli eventi e l’avvicinarsi di Expo 2015, il Comune pensa a nuove deroghe sui limiti di decibel e sul numero di concerti. (foto di Francesco Prandoni)

Biagio Antonacci, Luciano Ligabue, One Direction, Vasco Rossi e Modà. Sono questi i nomi che hanno esaurito la disponibilità di concerti (8) che il Comune concede per lo Stadio San Siro di Milano. La Scala del Calcio in passato non è mai stata impegnata con così largo anticipo dagli artisti, e a oltre sette mesi di distanza dai concerti in Comune stanno già pensando a come prepararsi al meglio. Con otto live già programmati, la questione decibel è come sempre uno dei temi più urgenti da affrontare, anche se non l’unico: l’idea è di aumentare il numero delle deroghe ai “limiti di rumore per lo svolgimento di manifestazioni in luogo pubblico”, che consentono ai promoter di evitare sanzioni qualora si andasse oltre, in termini di decibel e orario, ai limiti imposti in occasione degli eventi dal vivo.

Ma non finisce qui. Secondo il quotidiano Il Giorno, la giunta deliberò lo scorso maggio su un massimo di otto deroghe consentite per i concerti in programma nell’estate 2014. Essendo già ora proprio otto le date già in programma, ed essendoci altre tre richieste di affitto dell’impianto per due show ulteriori di Vasco Rossi e uno, non confermato ufficialmente, dei Pearl Jam da tenersi a giugno, Palazzo Marino sta pensando a una soluzione rapida e indolore che consenta a Milano di ospitare sempre più grandi eventi anche in vista dell’Expo 2015. «Vogliamo aumentare gli eventi a Milano, non solo in vista dell’Expo – spiega Franco D’Alfonso, Assessore al Turismo e alle Attività Produttive – e per questo stiamo studiando una nuova delibera sulle autorizzazioni in deroga: dovrei riuscire a portarla in giunta entro fine anno. Il massimo di otto concerti a San Siro? Linea troppo prudente: Milano merita un numero maggiore di grandi eventi».

Commenti

Commenti

Condivisioni