Notizie

Dave Grohl: dai Beatles ai Nirvana, è lui la Rockstar

Ma non si è Rockstar per caso. E Dave ne ha dato una prova ulteriore con il discorso da applausi che ha regalato durante la premiazione.

Paul McCartney sabato scorso è stato nominato “Persona dell’anno” al MusiCares 2012 ed è stata questa l’occasione per scoprire come i Beatles siano stati una grande fonte d’ispirazione per i Nirvana. Ve lo immaginate Dave Grohl in macchina a cantare Lucy In The Sky With Diamonds? Come lui stesso ha dischiarato ad Access Hollywood, «ho imparato a suonare da autodidatta, con una chitarra e le canzoni dei Beatles. Suonavo molto. Certo, non come loro ma mi ha insegnato la struttura della forma canzone, la melodia, l’armonia e gli arrangiamenti. Ma non ero il solo, perché anche Kurt Cobain amava i Beatles, la loro semplicità. O meglio, perché sembravano semplici ma in realtà erano fottutamente difficili».

Certamente Dave ha fatto enormi passi avanti da quanto suonava nella sua cameretta Hey Jude, come hanno dimostrato anche gli ultimi Grammy, nei quali i Foo Fighters si sono accaparrati miglior performance e miglior brano rock (Walk), miglior album rock (Wasting Light), miglior performance hard rock/metal (White Limo) e miglior video in versione estesa (Back And Forth).

Ma non si è rockstar per caso. E Dave ne ha dato una prova ulteriore con il discorso da applausi che ha regalato durante la premiazione: «Questo è stato un disco speciale per la nostra band. Invece di andare nello studio migliore… Lo abbiamo inciso nel mio garage con qualche microfono e un registratore. Il che dimostra che l’elemento umano del far musica è il più importante».

Commenti

Commenti

Condivisioni