Notizie

Dave Grohl dedica canzone a Kurt Cobain e Novoselic e annuncia la pausa

Dave Grohl Kurt Cobain NovoselicIl frontman dei Foo Fighters, Dave Grohl, all’inizio del set al Festival di Reading, ha annunciato che la band si prenderà una lunga pausa dalle scene. «Voi ragazzi avete capito che abbiamo molte canzoni da suonare. Questo è l’ultimo show del tour di quest’anno e sarà l’ultimo per molto tempo». Dopodiché, i FF hanno speso le successive due ore di concerto – un totale di 26 canzoni – suonando brani come All My Life, Everlong, Walk, Exhausted (che non portavano dal vivo dal 2003) e proponendo anche la cover di In the Flesh? dei Pink Floyd.

Come tutti gli atti conclusivi, ampio spazio alle dediche. Prima di These Days, Grohl ha trovato il tempo di ricordare i suoi bandmate nei Nirvana, Kurt Cobain e Krist Novoselic. «Vorrei dedicare questo brano a un paio di persone che non possono essere qui questa sera. Questa è per Krist e per Kurt». Non si è fermato qui, il buon Dave. Ha portato sul palco le sue due figlie Violet e Harper, dedicando loro, rispettivamente, Walk e Monkey Wrench, prima di rivolgere un saluto a Miti Adhikari, un ingegnere della BBC che ha lavorato con i Foos molte volte e proprio nel giorno del concerto andava in pensione. Insomma, un Dave Grohl in vena romantica. Visto il mood della serata, Taylor Hawkins ha pensato di rivolgere qualche parola proprio all’indirizzo di Dave: «È il miglior musicista della sua generazione». Come dargli torto?

Ma i fan non si sono arresi all’idea di non vedere un concerto dei Foo Fighters per molto tempo. Così Dave ha preso carta e penna e ieri (2 ottobre) ha scritto una lettera intensa per spiegare le ragioni della pausa:

«Ciao a tutti… Sono Dave. Volevo solo scrivervi per ringraziarvi dal profondo del cuore di un altro anno incredibile (il diciottesimo per l’esattezza). Davvero non avremmo potuto fare niente senza voi…

Mai, nemmeno nei miei sogni più folli, avrei mai creduto che i Foo Fighters sarebbero arrivati a questo punto. A essere sincero non pensavo che saremmo potuti arrivare così lontano. Ci sono stati dei momenti durante i quali ho creduto che la band non avrebbe continuato. Ci sono stati dei momenti durante i quali avrei voluto mollare. Ma… Non posso rinunciare a questa band. E non lo farò mai. Perché non è solo una band per me. È la mia vita. È la mia famiglia. È il mio mondo.

Sì… Quello che ho detto è la verità. Non so di sicuro quando i Foo Fighters suoneranno insieme di nuovo. Sembra strano da dire, ma è una buona cosa per noi, andare via per un po’. È una delle ragioni per cui ancora esistiamo. Capite? Non vorrò mai NON essere in questa band. E per questo motivo ogni tanto è un bene semplicemente… rimetterla in garage per un po’…

Ma non è il momento di mettersi un orologio d’oro o andarsene in vacanza… Metterò tutta la mia energia nella conclusione del mio documentario su Sound City e il relativo album, che sarà in uscita molto prossimamente. Un anno di lavorazione, potrebbe essere il progetto più importante e più grande al quale abbia mai messo mano. Preparatevi… Sta arrivando.

Quanto a me, Taylor, Nate, Pat, Chris e Rami… Sono sicuro che ci vedremo da qualche parte…. Grazie, grazie, grazie… Dave».

Commenti

Commenti

Condivisioni