Notizie

Il ritorno degli Eagles Of Death Metal a Parigi e le dichiarazioni sul possesso di armi

eagles-of-death-metal-ritorno-a-parigi-dichiarazioni

A tre mesi di distanza dagli attacchi terroristici al Bataclan dove persero la vita 89 persone, gli Eagles Of Death Metal tornano a Parigi per un concerto all’Olympia il 16 febbraio. Il tour europeo è ripartito domenica 14 febbraio dal Debaser Medis Club di Stoccolma, l’indomani il frontman della band Jesse Hughes ha rilasciato un’intervista al canale televisivo francese iTélé nella quale, oltre ad aver raccontato il ritorno live della band, ha espresso la sua opinione in merito al possesso di armi da fuoco. Dichiarazioni che non sono passate di certo inosservate.

La video intervista si apre con Hughes visibilmente emozionato nell’esprimere tutta la sua gratitudine nei confronti dei fan e di chiunque li abbia sostenuti in questi mesi difficili. «Sono felice di essere qui», dice commosso in merito al ritorno nella capitale francese. Dopo le prime domande, la giornalista chiede al leader della band statunitense se la sua posizione sul tema del possesso di armi.

«Il controllo sulle armi effettuato dal governo francese ha impedito di morire ad una sola persona presente al Bataclan? Se qualcuno fosse in grado di rispondere sì mi piacerebbe ascoltarlo, perché non penso sia così. Credo che l’unica cosa che ha fermato quest’attacco siano stati alcuni degli uomini più coraggiosi che io abbia mai visto e che si sono battuti contro gli attentatori», ha affermato il cantante.

«So che in molti non saranno d’accordo con me, ma quella notte le pistole avrebbero potuto rendere le persone uguali. E detesto che le cose stiano così», continua Hughes. «Penso che fino a quando ci saranno armi tutti dovrebbero possederne una, perché vorrei che una cosa del genere non capitasse mai più e vorrei che tutti avessero la possibilità di vivere. Ho visto morire persone che forse avrebbero potuto essere ancora in vita, persone meravigliose che vorrei ci fossero ancora», conclude in lacrime.

I sopravvissuti alla strage del 13 novembre sono stati invitati al concerto che gli EODM al teatro Olympia, che sarà sorvegliato da polizia ed esercito. Il tour europeo di Jesse Hughes e compagni è atteso in Italia a fine febbraio con due concerti a Treviso e a Roma.

Commenti

Commenti

Condivisioni