Notizie

Foo Fighters, Chris Shiflett ha spiegato perchè è il momento di prendersi una pausa

foo-fighters-sciolgono-pausa

Dopo la fine della tournée in molti hanno dato per finiti i Foo Fighters paventando lo scioglimento del gruppo, loro hanno prontamente smentito e la questione è un po’ caduta nel dimenticatoio. Ma le tiepide risposte non hanno fugato ogni dubbio dalla mente dei fan, che, da una parte, sono ben consapevoli di quanto sia fisiologico nella storia dei loro beniamini, ma dall’altra temono sempre un po’ di non rivederli più in azione.

A mettere le cose in chiaro e porre la parola fine in maniera più decisa e convincente al tutto ci ha pensato il chitarrista Chris Shiflett in un’intervista rilasciata ieri. Ha spiegato dettagliatamente gli ultimi mesi della band e le dinamiche che hanno portato tutti i componenti a propendere per una lunga pausa: «Stiamo alla grande. Abbiamo lavorato davvero duro negli ultimi tempi. Siamo stati in giro nell’ultimo anno ma nel frattempo abbiamo anche fatto un disco, quindi ci sembra di essere stati in tour per molto di più. Prima ci sono stati i live per il film di Dave e prima ancora l’altro album. Abbiamo avuto un bel da fare… non abbiamo nulla in calendario, è una sensazione molto strana e una cosa inusuale per noi, di solito non succede».

Il momento è quindi di quelli particolari per loro, ma solo perchè sono abituati a spingere sull’acceleratore sempre. Per altri sarebbe del tutto normale e naturale dopo così tanti mesi passati tra concerti, incisione dell’album e le varie attività a cui si sono dedicate parallelamente a tutto ciò. «Durante i primi mesi di pausa ci sembrava anormale, gennaio è scivolato via e ho cominciato a pensare di dovere avere qualcosa da fare. Di solito è Dave che si fa vivo via mail o messaggio scrivendo qualcosa del tipo “Ehi, ho qualche canzone, andiamo”. Non capita mai che si stia senza far nulla per così tanto». Affermazioni che qualche campanello di allarme in realtà lo farebbero suonare, se non fosse che poi ha concluso tranquillizzando tutti: «Ritorneremo. Non so quando, ma succederà». E se lo dice lui, per un po’ si può stare tranquilli.

Commenti

Commenti

Condivisioni