Home Interviste Notizie Video

Garbage in Italia Shirley Manson: Ero stufa di una vita normale

Dopo una lunga assenza, i Garbage sono tornati in Italia. Onstage ha intervistato Shirley Manson prima del concerto di VIgevano, per parlare del nuovo corso della band americana. Ecco la video intervista e le esclusive immagini del live (I Think I’m Paranoid, Automatic Systematic Habit).

Garbage italia Shirley MansonDopo un lunga assenza, i Garbage sono tornati a suonare in Italia. Due concerti, l’11 luglio a Vigevano (nell’ambito di 10 Giorni Suonati) e il 12 a Roma (per Rock in Roma) con cui Shirley Manson, Butch Vig e gli altri si sono riappropriati di quello che avevano abbandonato 8 anni fa: il palco. «A un certo punto ci eravamo resi conto di essere esausti, stufi della routine disco-tour-disco-tour – ci ha raccontato proprio l’affascinante Shirley prima dello show di Vigevano (leggi la recensione del concerto) – per cui ci siamo presi una pausa. Io mi sono trasferita a Los Angeles, mi sono sposata, ho adottato un cane. Ma poi mi sono stufata di questa vita normale e ho deciso che era il momento di rimettere in piedi la band e tornare on the road».

Il primo passo della seconda vita dei Garbage è stato il nuovo disco Not Your Kind Of People. Un lavoro riconoscibile per i fan della band americana, niente rivoluzioni stilistiche e tanta sostanza. «Questo lavoro è un ritorno alle nostre origini  – ha spiegato la Manson – perchè sentivamo di avere un sound diverso dalle milioni di band che sembrano tutte uguali». L’album è stato un modo per definire il mondo dei Garbage, a partire dal titolo: «È una specie di grido, un modo per definire un nostro scenario e invitare le persone ad unirsi a noi, facendogli capire che siamo loro vicini».

Shirley ci ha parlato anche della scelta di creare un’etichetta indipendente, delle convinzioni raggiunte dalla band in questo nuovo corso, del suo blog e della presenza dei Garbage sui social network. Ecco il video dell’intervista con le esclusive immagini del concerto di Vigevano (con i brani I Think I’m Paranoid e Automatic Systematic Habit).

Commenti

Commenti

Condivisioni