Notizie

Biglietti di Pearl Jam, Springsteen e Beyoncé per chi è attento al sociale

Global Citizen Tickets Initiative  premia con biglietti dei concerti chi si dimostra più attento alle cause sociali. L’iniziativa è sostenuta da grandi star come Bruce Springsteen, Peral Jam, Neil Young, Beyoncé e molti altri.

Global Citizen Tickets Initiative

Si chiama Global Citizen Tickets Initiative la nuova frontiera della musica nel campo della solidarietà e del sociale. Ad idearla sono stati Kelly Curtis, manager dei Pearl Jam e Hugh Evans, a capo del Global Poverty Project che avevano già lavorato insieme al Gobal Citizen Festival. L’iniziativa consiste nel coinvolgere gli utenti non solo sul piano economico ma anche su quello della sensibilizzazione, dandogli la possibilità di ottenere punti attraverso la condivisione di video informativi su Facebook o la raccolta fondi. Questi punti permetteranno poi di partecipare alla lotteria che darà la possibilità di vincere i biglietti messi in palio dagli artisti che partecipano all’iniziativa. E sono molti e tutti di grosso calibro: Bruce Springsteen, Pearl Jam, Beyoncé, Black Sabbath, Neil Young, Kanye West, My Morning Jacket e tanti altri. I ticket saranno presi direttamente tra quelli a disposizione dei musicisti, e garantiranno i posti tra i giornalisti e quelli messi in palio dalle emittenti radiofoniche.

«Vengo contattato ogni giorno per qualcosa che riguarda suonare per beneficenza o donare canzoni o denaro – ha spiegato Curtis – allora ho pensato “cos’è che una band ha in abbondanza, senza che richieda tempo o altro? – cos’altro se non fare concerti?” stiamo parlando di attivismo sociale molto in grande». Attraverso la pagina web di Global Citizen gli utenti potranno creare un proprio profilo e gestire i punti accumulati scegliendo a quali concerti vorrebbero partecipare, tra tutti quelli degli artisti che aderiscono (tranne le date dei festival, a meno che non sia la stessa organizzazione dell’evento a partecipare). Il servizio per ora si limita all’America del Nord e al Canada, ma è nelle intenzioni degli ideatori diffonderlo il prima possibile anche ad altri paesi.

Commenti

Commenti

Condivisioni