Notizie

I 100 migliori album degli anni zero

Vi siete  mai chiesti quali sono gli album che più di tutti hanno segnato questi anni ‘00? Rolling Stone USA ha fatto il punto della situazione stilando la classifica dei 100 migliori album degli Anni Zero. Pronti a scoprire quale disco si è aggiudicato il primo posto?

100. Leonard Cohen – Ten New Songs (2001)

99. The Hold Steady – Almost Killed Me (2004)

98. Tv On The Radio – Return to Cookie Mountain (2006)

97. Wilco – Sky Blue Sky (2007)

96. The Streets – Original Pirate Material (2002)

95. Alicia Keys – Songs in a Minor (2001)

94. The Libertines – Up the Bracket (2002)

93. Johnny Cash – Unearthed (2003)

92. Bon Iver – For Emma, Forever Ago (2007)

91. The Hives – Veni Vidi Vicious (2000)

90. Amadou & Miriam – Dimanche a Bamako (2005)

89. Radiohead – Hail to the Thief (2003)

88. Brian Wilson – Smile (2004)

87. Gnarls Barkley – St. Elsewhere (2006)

86. The Postal Service – Give Up (2003)

85. Coldplay – Viva La Vida (2008)

84. Eminem – The Eminem Show (2002)

83. The Black Keys – Attack & Release (2008)

82. Queens of the Stone Age – Rated R (2000)

81. Ryan Adams – Gold (2001)

80. Kings of Leon – Youth and Young Manhood (2003)

79. The New Pornographers – Electric Version (2003)

78. Sufjan Stevens – Illinois (2005)

77. Yo La Tengo – And Then Nothing Turned Itself Inside Out (2000)

76. Sigur Ros – () (2002)

75. Arcade Fire – Neon Bible (2007)

74. Red Hot Chili Peppers – Stadium Arcadium (2006)

73. Coldplay – Parachutes (2000)

72. Sleater-Kinney – The Woods (2005)

71. Franz Ferdinand – Franz Ferdinand (2003)

70. Missy Elliott – Under Construction (2002)

69. Bright Eyes – Lifted or the Story is in the Soil, Keep Your Ear to the Ground (2003)

68. U2 – How to Dismantle an Atomic Bomb (2004)

67. Bjork – Vespertine (2001)

66. Antony & the Johnsons – I Am a Bird Now (2005)

65. Manu Chao – Próxima Estación: Esperanza (2001)

64. Gillian Welch – Time the Revelator (2001)

63. Kanye West – 808s and Heartbreak (2008)

62. Johnny Cash – American III: Solitary Man (2000)

61. The Shins  – Oh, Inverted World (2001)

60. Phoenix – Wolfgang Amadeus Phoenix (2009)

59. Interpol – Turn on the Bright Lights (2002)

58. Danger Mouse – The Grey Album (2004)

57. Death Cab for Cutie – Transatlanticism (2003)

56. Vampire Weekend – Vampire Weekend (2008)

55. Robert Plant and Alison Krauss – Rising Sand (2007)

54. Norah Jones – Come Away With Me (2002)

53. Kings of Leon – Only By the Night (2008)

52. M.I.A. – Arular (2005)

51. Spoon – Kill the Moonlight (2002)

50. Bright Eyes – I’m Wide Awake It’s Morning (2005)

49. Fiona Apple – Extraordinary Machine (2005)

48. TV on the Radio – Dear Science (2008)

47. Fleet Foxes – Fleet Foxes (2008)

46. Justin Timberlake – FutureSex/LoveSounds (2006)

45. Kanye West – Graduation (2007)

44. System of a Down – Toxicity (2001)

43. The Killers – Hot Fuss (2004)

42. Elliott Smith – Figure 8 (2000)

41. Arctic Monkeys – Whatever People Say I Am, That’s What I’m Not (2006)

40. Kanye West – Late Registration (2005)

39. Kings of Leon – Aha Shake Heartbreak (2004)

38. Ryan Adams – Heartbreaker (2000)

37. 50 Cent – Get Rich or Die Tryin (2003)

36. U2 – No Line on the Horizon (2009)

35. PJ Harvey – Stories from the City, Stories from the Sea (2000)

34. OutKast – Speakerboxxx/The Love Below (2003)

33. Daft Punk – Discovery (2001)

32. Lil Wayne – Tha Carter III (2008)

31. My Morning Jacket – Z (2005)

30. Radiohead – In Rainbows (2007)

29. Sigur Ros – Ágætis Byrjun (2000)

28. Yeah Yeah Yeahs – Fever to Tell (2003)

27. The Flaming Lips – Yoshimi Battles the Pink Robots (2002)

26. Cat Power – The Greatest (2006)

25. Radiohead – Amnesiac (2001)

24. Bruce Springsteen – Magic (2007)

23. D’Angelo – Voodoo (2000)

22. Green Day – American Idiot (2004)

21. Coldplay – A Rush of Blood to the Head (2002)

20. Amy Winehouse – Back to Black (2006)

19. The White Stripes – White Blood Cells (2001)

18. MGMT – Oracular Spectacular (2008)

17. Beck – Sea Change (2002)

16. OutKast – Stankonia (2000)

15. Bruce Springsteen – The Rising (2002)

14. Jay-Z – The Black Album (2003)

13. U2 – All That You Can’t Leave Behind (2000)

12. LCD Soundsystem – Sound of Silver (2007)

11. Bob Dylan – Love and Theft (2001)

10. Kanye West – The College Dropout (2001).

Album di debutto per il rapper statunitense oggi star internazionale. Kanye amplia e sconvolge il linguaggio musicale dell’hip hop. Ogni canzone è una mossa coraggiosa, una sfida alle regole. Un ottimo inizio.

9. M.I.A. – Kala (2007).

Straordinario disco dance dell’artista di origini tamil trapiantata a Londra. Kala è stato uno dei dischi più apprezzati dalla critica nel 2007. Tra le canzoni spicca l’originalità di Paper Planes, singolo di successo anche in Europa, in cui viene campionata Straight To Hell dei Clash.

8. Bob Dylan – Modern Times (2006).

Il folk singer del Minnesota cita il capolavoro di Charlie Chaplin nel suo 32esimo album. Blues e vecchie ballate per raccontare le radici e analizzare il nuovo millennio. Mr Zimmerman autoproduce il disco con lo pseudonimo di Jack Frost e vince un Grammy Award come miglior album contemporaneo di musica folk/americana.

7. Eminem – The Marshall Mathers LP (2000).

Terzo album in studio, 18 tracce incentrate sulla celebrità e il rapporto con la famiglia, che consacrano Eminem come popstar più interessante del nuovo millennio. Il disco vendette più di 1.700.000 copie nella prima settimana solo negli Stati Uniti e si aggiudicò un posto nel Guinness dei Primati.

6. Arcade Fire – Funeral (2004).

Fisarmoniche, archi e cori in primo piano per la band canadese. Una ricca musicalità folk e hit come Wake Up e Rebellion (Lies) hanno fatto sì che gli Arcade Fire diventassero in poco tempo una delle band più amate. La scelta del titolo dell’album è dovuta alla morte di alcuni familiari dei musicisti durante le registrazioni dell’album.

5. The White Stripes – Elephant (2003).

Le Strisce Bianche Jack e Megan White, mescolano rock, blues, garage e psichedelia. Registrato con strumentazioni vintage, il quarto album della coppia ipnotizza con il suo sound magnetico. Peccato che Seven Nation Army sia diventata un triste coro da stadio…

4. Jay-Z – The Blueprint (2001).

Uno dei migliori album rap di tutti tempi. Il disco che ha consacrato Jay-Z all’Olimpo della musica, grazie al suo genio e a quello dei produttori Just BlazeKanye WestTimbaland. The Blueprint è stato registrato mentre si consumava la faida tra Jay-Z e il suo “rivale” Nas.

3. Wilco – Yankee Hotel Foxtrot (2002).

Con questo disco i Wilco fanno un balzo in avanti: mixano rock ed elettronica, melodia e rumore. Il sound è frastagliato, i testi svelano il desiderio di speranza contro il dubbio. Una piccola gemma folk-rock.

2. The Strokes – Is This It (2001).

In soli 36 minuti, il frontman Julian Casablancas, i chitarristi Nick Valensi e Albert Hammond Jr., il bassista Nikolai Fraiture e il batterista Fabrizio Moretti, riescono a conquistare il loro spazio nella nuova scena newyorkese (e non solo). I The Strokes mixano punk, new wave e pop, suonano con intensità e vengono paragonati a gruppi cult come Velvet Underground e Television.

1. Radiohead – Kid A (2000).

Dopo il successo di Ok Computer, i Radiohead si ritirano per tre anni in studio. Kid A è il risultato, la svolta. La struttura e la tessitura del quarto disco della band, si allontanano dalle vecchie formule del rock. I testi quasi indecifrabili di York legati all’elettronica danno forma a una nuova concezione di rock.

Commenti

Commenti

Condivisioni