Notizie

I Rolling Stones non hanno intenzione di fermarsi dopo il tour in USA

rolling-stones-nuovo-tour-2015

A parlare è Mick Jagger e le sue dichiarazioni faranno gioire più di un fan. Dopo il tour in USA, i Rolling Stones potrebbero tornare in Europa. E nel frattempo pubblicare anche un nuovo album di inediti.

Erano in grande forma l’estate scorsa, quando al Circo Massimo di Roma hanno fatto cantare più di 70mila persone. E sono in grande forma anche ora. I Rolling Stones, in procinto di affrontare l’ennesima leg di un tour che sembra non volersi più fermare. Il primo concerto della nuova serie risale ormai al 2012, quando Mick Jagger, Keith Richards, Ron Wood e Charlie Watts iniziarono in patria i festeggiamenti dei loro (primi) 50 anni insieme.

Ora che di anni ne sono passati altri tre, la più grande rock band del mondo ha già (ri)attraversato Nord America, Europa, Asia e Oceania e si appresta, appunto, a tornare negli Stati Uniti con 15 date negli stadi. Ma Jagger, che della band è sempre stato mente commerciale e d’immagine, ha deciso di rilasciare un’intervista a Rolling Stone USA tanto per far sapere che no, questo non sarà l’ultimo tour. E no, per il prossimo non bisognerà aspettare anni. E sì, un nuovo album degli Stones è in progetto. Così, tanto per non far parlare di sé.

«È l’inizio di un nuovo tour», spiega Mick riferendosi alla nuova tranche di show americani. «Quando abbiamo finito gli ultimi concerti in Australia, avevamo completato il giro del mondo. Avevamo fatto l’Inghilterra, il Nord America… Non abbiamo fatto il Sud America per un po’. Lo faremo, anche se potrebbe essere un po’ complicato organizzarlo. Abbiamo fatto l’Europa, l’Asia e ora siamo di nuovo in Nord America. Dopo il tour negli States non c’è ancora nulla di programmato. Ma ci potrebbero essere dei piani per degli show da fare in autunno. Non so ancora se all’inizio dell’autunno, ma stiamo parlando parecchio di cose verso la fine dell’autunno. Nulla di ancora definito, ma…».

Insomma, parole inequivocabili uscite dalla bocca di un uomo che da sempre sa come veicolare le informazioni relative a sé e alla band. E sempre in quest’ottica vanno lette le frasi relative a un nuovo lavoro in studio degli Stones, oltre alla riedizione celebrativa del classico Sticky Fingers.

«Non so», risponde al giornalista che gli chiede se sia nei programmi un album di inediti.  «Sarebbe molto bello e ho molte canzoni nuove e canzoni che ho scritto negli ultimi anni. Ho anche già fatto degli ottimi demo per ognuna di esse e mi piacerebbe davvero poterle registrare. Quindi, speriamo. Non parlo di un album solista, perché avrei una gran voglia di registrare un disco degli Stones. Se non dovesse accadere, allora forse mi concentrerò su un disco solista. Ma non è una cosa cui sto pensando: ho delle canzoni che sarebbero eccellenti per gli Stones e ho qualche canzone che invece non sarebbe perfetta».

Nulla di ufficiale dunque, ma quanto basta per far sognare i milioni di fan della band. Anche se la cosa più importante è sapere di poterli rivedere dal vivo. Magari già nel 2016.

Commenti

Commenti

Condivisioni