Notizie

Le 20 cose che (forse) non sai su Iggy Pop

L’iguana Iggy Pop ha scelto di nuovo (la prima volta nel 2006) il Rock In IdRho per il suo unico concerto italiano del 2011. È  già partito il conto alla rovescia e nell’attesa ecco qualche curiosità sull’artista:

1. Per chi ancora non lo sapesse, il suo nome d’arte deriva dal vezzeggiativo di iguana, Iggy appunto, avendo suonato con gli Iguanas e da Popp. Questo è il cognome di Jim Popp, a cui Iggy somigliava, a detta degli atri componenti, quando si presentò per le audizione per The Stooges, con le sopracciglia rasate.

2. Nei primi anni con gli Stooges si faceva invece chiamare Iggy Stooge.

3. Iggy Pop e Ke$ha si sono uniti per una nuova iniziativa della Peta contro il massacro delle foche in Canada, girando uno spot.

4. Iggy è il soggetto principale del nuovo libro del fotografo Mikael Jansson. Per questo scatto il rocker 64enne, che spesso e volentieri vediamo agitarsi sul palco a petto nudo, si è lasciato coprire, non con abiti maschili, ma con un vestito da sera per donne stimate e rispettate. L’iguana del rock tiene in mano una borsetta di Dior, il gadget ultrachic per eccellenza.

5. Gli anni si fanno sentire anche per l’iguana del rock: infatti in un’intervista Iggy ha dichiarato che non farà più stage diving, ovvero tuffarsi dal palco,  a causa di una brutta caduta avvenuta ad uno dei suoi ultimi spettacoli. Pare infatti che durante un suo concerto alla Carnegie hall nessuno del pubblico si aspettasse di vedere la rockstar saltare dal palco, così nessuno lo ha preso. Il 62enne è così caduto a terra procurandosi abrasioni e lividi affermando: « Quando sono caduto mi sono fatto un male cane e mi sono appuntato mentalmente che quella sarebbe stata l’ultima volta».

6. Dopo icone della musica come Jimmy Page e Alice Cooper anche Iggy diventa una leggenda vivente al Marshall Classic Rock Roll Of Honour Awards. «Dopo tutti questi anni vissuti nel selvaggio universo del rock, finalmente ottengo qualcosa. Tutte le altre persone che hanno ricevuto questo riconoscimento sono artisti straordinari, mi sento molto onorato e fortunato per essere entrato in questa lista.»

7. La rockstar ha dichiarato di essere molto determinato nel voler partecipare al reality show American Idol, nonostante sia stato messo in guardia che i fan potrebbero reagire in modo inaspettato.

8. Sembra che il film sulla vita di Iggy non si giri più, per via del protagonista poco somigliante.  A riguardo Iggy dichiara: «Per girare una biopic su di me credo che si dovrebbe assumere Lindsay Lohan. Mi assomiglia ed è la sola con la personalità che ci vuole.  Potrebbero appiattirle le tette con lo scotch, e poi è stata in prigione all’età giusta, quindi penso che vada bene per la parte.»

9. Dopo la morte del suo chitarrista, Iggy dichiarò: « Sono scioccato, era uno dei miei migliori amici».

10.  Mentre dopo la morte di Kurt Cobain, afferma: « Quando ho sentito Nevermind, ho capito che quel ragazzo che cantava aveva una vibrazione, un qualcosa che sembrava quasi diabolico. Una sera sono andato a vederli ad un concerto: Cobain ha spaccato gli strumenti e poi si è gettato sul pubblico, poco dopo l’ho visto che andava in un bar, e aveva addosso una maglietta degli Stooges. Mi sono sentito fiero.»

11.  Iggy Pop & The Stooges hanno annunciato uno speciale concerto in memoria del loro chitarrista Ron Asheton scomparso nel 2009. Il concerto si terrà ad Ann Arbor,  in Michigan, il paese natale del musicista e dove la band mosse i suoi primi passi. Iggy ha detto: « è ad Ann Arbor che il nostro gruppo e i nostri ideali si forgiarono.  Fu veramente la nascita di un movimento.»

12. Nei primi anni ‘70 Iggy attraversa la sua prima brutta crisi a causa dei suoi problemi con l’eroina, ma riesce a riprendersi (e con lui anche la sua carriera) grazie alle cure dell’amico David Bowie che lo aiuta a registrare Raw Power a Londra nel 1972 come Iggy and the Stooges.

13. Gli Stooges si sciolgono nel 1974, dopo l’ultimo concerto a Michigan, concludendosi con una rissa tra la band e un gruppo di motociclisti del posto. Dopo lo scioglimento Iggy attraversa una seconda crisi dalla quale si riprenderà solo nel 1977 sempre grazie a Bowie.

14. Durante un concerto a Cincinnati, Iggy trascorse quasi tutto il tempo in mezzo al pubblico e quando alla fine tornò sul palco era completamente cosparso di burro d’arachidi.

15. «I momenti dai quali traggo maggior energia sono quando finisco di comporre un brano, mi siedo in studio e dopo averlo inciso me lo riascolto e realizzo che mi piace, in quel momento mi sento Dio.»

16. Nel 1977 si trasferisce con Bowie a Berlino, dove pubblica i due album da solista (Idiot e Lust for life).

17. Per quanto riguarda i gruppi della scena rock attuale dice: «Questi giovanotti di oggi conoscono alla perfezione gli spartiti ma non sanno neppure cosa significa vomitare».

18. Iggy ha addirittura disegnato una linea di preservativi. «E mi sono parecchio divertito» afferma!.

19.  Considerato ormai un’autentica icona vivente del rock, l’artista si è dedicato con successo anche al cinema, come dimostrano le partecipazioni ai film “Cry Baby” di John Waters, “Il colore dei soldi” di Martin Scorsese, “Sid e Nancy” di Alex Cox e “The Crow: City Of Angels” di Tim Pope. Ma a dare nuovo lustro al suo mito è anche la colonna sonora del cult-movie Trainspotting di Danny Boyle, che rispolvera alcuni dei suoi classici, come “Lust for life” e “Nightclubbing”.

20.  A Boston, per scaldare un’audience distratta, salta e si contorce sul palco, si taglia il torace fino a farlo sanguinare.

 

Commenti

Commenti

Condivisioni