Notizie

Laura Pausini ucciso operaio a colpi di pistola al concerto di Lecce

Ieri, 2 agosto, è stato ucciso un operaio che stava lavorando al montaggio del palco di Laura Pausini. Due colpi di pistola sparati da un uomo in motorino con casco e maglietta neri.

Il 2 agosto, a Lecce, è stato ucciso un operaio – Valentino Spalluto, aveva 20 anni – mentre era impegnato nel montaggio del palco di Laura Pausini per il concerto di sabato 4 agosto. Due colpi di pistola sparati da un uomo in motorino con casco e maglietta neri.
Il ragazzo stava lavorando con il suocero in piazza Palio, all’ingresso della strada che porta alla marina di San Cataldo, verso le 17.
Poi, come lo stesso suocero ha riferito agli inquirenti, vengono sparati alcuni colpi di arma da fuoco da un uomo – che indossava casco e maglietta neri – giunto a bordo di uno scooter. Dopo aver sparato, è poi scappato.

Oggi sono arrivate nuove rivelazioni: Valentino Spalluto potrebbe essere stato ucciso per uno scambio di persona, in quanto un ragazzo ha dichiarato – sotto interrogatorio – di aver avuto diversi litigi in passato con il principale sospettato dell’omicidio, Andrea Polimeno, e di essere tornato a Lecce in occasione dell’allestimento del palco per il concerto. Forse a causa della somiglianza con Valentino, il killer ha scambiato le vittime.

Si attendo, però, informazioni più dettagliate e certe.

Commenti

Commenti

Condivisioni