Notizie

Leonard Cohen live Italia 2012, concerto a Verona, info biglietti

Leonard Cohen ha anticipato l’unica data in Italia del suo tour 2012: non sarà più il 25 settembre ma il 24, sempre all’Arena di Verona. La suggestiva cornice scaligera ospita dunque l’Old Ideas World Tour del settantottenne (78!) poeta e musicista americano.

Leonard-Cohen-concerto-Italia-2012-Verona.jpgLeonard Cohen ha anticipato l’unica data in Italia del suo tour 2012 prevista inizialmente per il 25 settembre all’Arena di Verona. Il concerto è stato infatti spostato al 24 settembre per la volontà dell’artista di rispettare la festa ebraica dello Yom Kippur. La suggestiva cornice scaligera ospita dunque l’Old Ideas World Tour del settantottenne (78!) poeta e musicista americano, che porterà dal vivo i brani dell’ultimo disco, Old Ideas, pubblicato lo scorso 30 gennaio. Nonostante l’età, Mr Cohen è pronto per imbarcarsi per l’ennesima lunga tournèe – l’ultima è durata tre anni e si è conclusa nel 2010 – che partirà proprio dall’Europa il 12 agosto, giorno in cui è fissato il primo concerto, a Ghent (Belgio). In totale sono 18, nel momento in cui scriviamo, le date europee di Leonard – tra Danimarca, Norvegia, Finlandia, Svezia, Francia, Irlanda, Spagna, Italia e Portogallo – che in autunno tornerà in America.

I biglietti per il concerto di Leonard Cohen a Verona sono disponibili sul circuito Ticketone, con questi prezzi:

Platea Numerata €90,00 + prev
Tribuna Numerata €70,00 + prev
Gradinata Non Numerata €40,00 + prev

Clicca qui per leggere la nostra recensione di Old Ideas.

Leonard Cohen è nato a Montreal nel 1934 da una famiglia ebraica immigrata nel Canada. Suo padre era polacco e sua madrelituana.Fin dai tempi dell’università a Montreal, si dedica alla poesia. La sua prima raccolta vede la luce nel 1956, con il titolo di Let Us Compare Mythologies. In questo periodo si incontra con alcuni amici poeti, in un congresso informale di lettura e critica dei rispettivi componimenti. Un primo album di reading, contenente otto poesie recitate da Cohen, esce nel 1957 con il titolo di Six Montreal Poets. Nel 1961 viene pubblicata la raccolta di poesie The Spice-Box of Earth.

Trasferitosi a Hydra, un’isoletta della Grecia, famoso rifugio di artisti d’ogni genere, pubblica nei primi anni sessanta raccolte di poesie (tra cui Flowers for Hitler) e due romanzi, Il gioco preferito (1963) e Beautiful Losers (1966). Nel primo di essi alcune righe denotano l’importanza data alla parola e nello stesso tempo la difficoltà sovente di comprenderla: «Vorrei dire tutto ciò che c’è da dire in una sola parola. Odio quanto possa succedere tra l’inizio e la fine di una frase»

Autore di testi toccanti, arrangiatore geniale e cantante dalla “voce di rasoio arrugginito”, rivoluziona la figura del cantautore avvicinandolo al poeta.Altri brani celebri di Cohen sono: Famous Blue RaincoatThe PartisanSo Long Marianne[1]Chelsea Hotel #2Sisters of MercyHallelujah (resa ancor più famosa dalle molteplici cover, in particolare da quelle di Jeff Buckley, Bob Dylan e John Cale), Waiting for the MiracleTower of SongFirst We Take Manhattan (molto nota è la cover di Joe Cocker) e Bird on a Wire. Da segnalare anche il film I’m a Hotel (1985). La sua canzone Suzanne (del 1966) ne decreta il successo universale a livello musicale. Sin dagli anni sessanta ha lavorato come compositore per l’industria cinematografica e televisiva: la sua più importante collaborazione è stata Assassini nati, per il regista Oliver Stone, in cui la cinica The Future è il tema principale.

Fonte: Wikipedia

 

Commenti

Commenti

Condivisioni