Notizie

Linkin Park, Burn It Down è il nuovo singolo

I Linkin Park pubblicheranno il prossimo 16 aprile il loro nuovo singolo Burn It Down.

I Linkin Park pubblicheranno il prossimo 16 aprile il loro nuovo singolo Burn It Down. Ad annunciarlo è il frontman del gruppo, Mike Shinoda, che con un video sul sito ufficiale della band ha rivelato il nuovo brano.

Inoltre, Shinoda ha dichiarato alla rivista Kerrang che rispetto al precedente A thousand Suns, un disco “politico”, il nuovo album sarà più personale, un buon mix tra nuovo e vecchio che toccherà anche la sfera del sociale.

A supporto dell’uscita del nuovo album i Linkin Park hanno anche confermato un tour europeo, che li vedrà suonare a Lisbona, in Danimarca, in Germania, in Austria e ancora: Polonia, Russia Ucraina e Russia.

Purtroppo non hanno ancora annunciato nessuna data in Italia.

I Linkin Park sono Chester Bennington (voce), Rob Bourdon (batteria), Brad Delson (chitarra), Joe Hahn (DJ), Dave “Phoenix” Farrell (basso) e Mike Shinoda (voce). Si sono aggiudicati due Grammy Awards, il primo nel 2002 per la Best Hard Rock Performance con il singolo “Crawling” e il secondo nel 2006 per la Best Rap/Sung Collaboration con Jay-Z per l’ innovativa “Numb/Encore”.
La band hanno venduto più di 50 milioni di dischi in tutto il mondo dal loro album di debutto nel 2000, solo “Hybrid Theory” ha venduto più di 18 milioni di copie.
La band è molto attiva nel campo del sociale: nel 2005 ha fondato con la Croce Rossa “Music for Relief”, un’organizzazione che aiuta le vittime delle catastrofi mondiali e combatte il surriscaldamento del pianeta (www.musicforrelief.org ). Come parte di questo progetto, l’anno scorso I Linkin Park hanno dato vita a “Power to the world” una campagna che raccoglie fondi per garantire l’accesso all’energia sostenibile alle popolazioni dei paesi in via di sviluppo (www.powertheworld.org)

A supporto dell’uscita del nuovo album i Linkin Park hanno confermato un tour europeo, che li vedrà suonare a Lisbona, in Danimarca, in Germania, in Austria e ancora: Polonia, Russia Ucraina e Russia.

Commenti

Commenti

Condivisioni