Notizie

A Liverpool i peni dei Beatles in mostra

Una controversa opera d’arte raffigurante gli organi sessuali dei quattro membri dei Beatles – creata per raccogliere fondi a favore dei bambini meno fortunati – è stata vandalizzata.

beatles peniIl dipinto a olio, dal titolo The Beatles In America (nella foto a sinistra), è stato appeso al museo di Liverpool qualche giorno fa ed è finito al centro delle cronache in quanto – oltre al tema trattato, è stato poi vandalizzato da ignoti. Un peccato perché l’opera – creata dall’artista Jonathan Gent – è stata donata dal suo autore al fine di dare il via ad un’asta di beneficienza per i bambini della Claire House.
Gent a proposito ha dichiarato: «È un pezzo che raffigura l’intimità dei Bealtes, un concept che parte dalla convinzione che la loro immagine sia globale ed intoccabile. L’idea alla base del progetto, di avere i loro peni sulla tela, è stata realizzata per rendere la sensazione di vicinanza con i nostri idoli mostrando un lato di tutti noi che li rende meno miti e più uomini».
L’opera è stata macchiata da alcuni vandali, così è stata rimossa e gli specialisti ora ne stanno valutando i danni. Incerto al momento è ancora il fatto se l’opera sarà riesposta come previsto il 17 ottobre prossimo oppure il restauro richiederà molto più tempo.
Sul fattaccio, un portavoce del museo, ha dichiarato: «Il danno è tanto più grave di quanto potessimo immaginare e al contempo deplorevole perché – insieme ad altre opere in mostra – il dipinto sarebbe dovuto andare andare all’asta per raccogliere fondi in favore dei bambini della Claire House. Ora tutto dipenderà da ciò che si potrà fare per riportare l’opera alla sua condizione originale».

Il 5 ottobre 1962 usciva Love Me Do, il primo 45 giri (con PS I love youcome side b) e la prima pubblicazione ufficiale in assoluto del quartetto di Liverpool. Scopri  la nostra, personale, Top ten dei 45 giri della più grande band di tutti i tempi che abbiamo stilato per festeggiare la ricorrenza.

La Top ten dei 45 giri dei Beatles firmata Onstage.

Commenti

Commenti

Condivisioni