Notizie

Lorde e Iggy Azalea contro i giornalisti musicali

lorde-iggy-azalea-critiche-giornalisti

Lorde e Iggy Azalea hanno apertamente criticato i giornalisti musicali. La scintilla che ha fatto scattare la polemica è stato un articolo apparso sul magazine Complex riguardante l’ultimo disco della rapper australiana.

Due giovani leve del music biz internazionale contro la stampa di settore. E’ stata Lorde ad attaccare per prima il mondo del giornalismo musicale in seguito alla pubblicazione su Complex di una recensione riguardante l’ultimo disco di Iggy Azalea.

La neozelandese, tramite un post su tumblr, ha attaccato il magazine di New York per aver dedicato la copertina alla Azalea e per aver recensito negativamente il nuovo album dell’artista stessa. In sostanza la diciassettenne di Auckland critica l’opportunismo della rivista nel concedere cover trendy alle star del momento per vendere più copie e realizzare più click sul web, per poi schifare i loro dischi in fase di review: “Riviste come Pitchfork e simili mi chiedono se possono intervistarmi dopo avermi preso per il culo in fase di recensione. Scegliete una posizione da tenere su un’artista e mantenetela senza prenderlo in giro”.

A farle eco, poche ore dopo, la stessa Iggy Azalea, che attraverso Twitter ha rincarato la dose: “I media pregano di avere i biglietti gratis per i tuoi concerti solo per poter scrivere quanto gli hai fatto schifo”.

 

A questo punto è arrivata inevitabile la risposta da Complex, con un lungo articolo che spiega come il dare spazio a una star non significhi esattamente esaltare a priori tutto ciò che questa produce. Inoltre l’essere presente sulla copertina di un magazine offre comunque un beneficio non indifferente alla star stessa, tanto quanto al media, che in questo modo vende più copie o realizza più click sul web. Tuttavia, riassumendo il pensiero del magazine, è assurdo pensare che la stampa musicale si interessi a un’artista solo quando accadono cose positive, proprio perchè si tratta di critica musicale, non di una questione di odio o di pregiudizio.

Commenti

Commenti

Condivisioni