Notizie

Lou Reed descritto come un “mostro misogino” in una biografia di prossima uscita

lou-reed-mostro-violenza-donne-biografia

Lo scrittore inglese Howard Sounes ha scritto una nuova biografia di Lou Reed in cui accusa il cantante di violenza sulle donne. La pesante accusa è stata formulata in seguito alle testimonianze raccolte durante le ricerche per la stesura del libro.

In Notes from the Velvet Underground: The Life of Lou Reed – in arrivo nelle librerie anglosassoni il 22 ottobre – in particolare sono riportate le affermazioni dell’ex moglie Bettye Kronstad, a cui il cantante dei Velvet Underground avrebbe fatto un occhio nero, e quelle di una compagna di scuola che ricorda come Reed abbia picchiato sulla testa una fidanzata di allora che si era permessa di dire qualcosa che non gli era piaciuto.

Sounes – autore, tra l’altro, di altre due biografie importanti, di Bob Dylan e Paul McCartney – ha intervistato oltre 140 persone e il ritratto che ha tracciato di Reed non è di certo lusinghiero: «Emerge abbastanza chiaramente che era un misogino e che malmenava le donne. Non le ha picchiate tutte, ma lo ha fatto di certo con la sua prima moglie e inoltre ha scritto più volte della violenza sulle donne, era come ossessionato» ha dichiarato. Ed è stato ancora più duro nel darne un suo giudizio: «Adoro la sua musica ma sono dovuto andare dove mi ha portato la storia… era un uomo davvero orribile, un mostro. Penso che questa sia la parola giusta».

Commenti

Commenti

Condivisioni