Notizie

Le canzoni di Max Gazzè che non possono mancare durante i suoi concerti

max-gazze-singoli-piu-suonati
di Redazione
Foto di Elena Di Vincenzo

Il 2016 è un anno di grandi soddisfazioni per Max Gazzè: le vendite dell’ultimo album Maximilian vanno a gonfie vele da quando è uscito a ottobre 2015 e la tournée primaverile ha conquistato davvero tutta Italia. E non è finita qui, perché il cantautore romano sarà in tour di nuovo quest’estate: quasi 50 i concerti che terrà tra luglio e settembre – alcuni sui palchi delle manifestazioni musicali più importanti, tra cui il Flowers Festival di Collegno – prima di trasferirsi all’estero per un’altra manciata di date tra Europa, Asia e Stati Uniti.

Il grande successo (anche) live di Max ha radici che risalgono agli albori del suo successo: fin da subito ha saputo imporsi sulla scena italiana con canzoni orecchiabili e mai banali, eseguite con performance molto coinvolgenti. Ecco quelle che non manca di suonare dal vivo e che di certo faranno parte anche della scaletta che proporrà nei prossimi concerti.

Clicca qui o sul banner per scoprire come vincere i biglietti per vedere i concerti del Flowers Festival di Collegno (TO) dal sottopalco o dall’area VIP.

max-gazze-singoli-piu-suonati

1997 – Cara Valentina
È il singolo che ha anticipato l’uscita del fortunato Favola di Adamo ed Eva e Gazzè lo ha portato anche a Sanremo Giovani. Anche se non lo ha aiutato a passare il turno per salire sul palco dell’Ariston, è diventato subito un tormentone.

1998 – La favola di Adamo ed Eva
L’album (e la titletrack) hanno dato un’ulteriore spinta alla carriera di Gazzè, che, infatti, ne pubblica una seconda versione nel febbraio del 1999, che comprende anche Vento d’estate e Una musica può fare (presentata nel frattempo a Sanremo).

1998 – Vento d’estate
Cantato insieme a Niccolò Fabi, il brano suggella l’amicizia tra i due (nata ben prima del successo di entrambi) e ha vinto Un disco per l’estate.

1999 – Una musica può fare
Come già Cara Valentina, anche Una musica può fare viene portato in gara al Festival di Sanremo, senza ottenere però un grande risultato. È arrivato dopo, dal pubblico e dalle classifiche.

2000 – Il timido ubriaco
Il timido ubriaco è il singolo che consacra definitivamente Gazzè: arriva quarto a Sanremo 2000 e risale la chart dei singoli più venduti di quell’anno fino alla 16esima posizione.

2008 – Il solito sesso
Anche Il solito sesso fa il suo debutto dal palco dell’Ariston, dove Gazzè lo esegue, una delle sere in gara, accompagnato da Paola Turci e Marina Rei.

2010 – Mentre dormi
È uno dei brani della colonna sonora del film Basilicata Coast To Coast di Rocco Papaleo, che ha anche segnato il debutto di Gazzè come attore.

2013 – Sotto casa
Sotto casa ha ottenuto il Disco di Platino a soli tre mesi dalla pubblicazione. È arrivata settima a Sanremo, ma come vendite si è posizionato subito dietro a L’essenziale di Mengoni, vincitore di quell’anno.

2015 – La vita com’è
È il singolo con cui Gazzè ha anticipato l’uscita dell’ultimo album Maximilian e con cui ha fatto ballare tutti durante i mesi invernali tra la fine del 2015 e l’inizio del 2016, nonostante il sapore estivo del pezzo.

2016 – Ti sembra normale
Ti sembra normale è il nuovo singolo scelto da Max Gazzè per farci compagnia quest’estate e ha già conquistato tutti: su YouTube il video ha già quasi 3 milioni di visualizzazioni ed è la canzone più trasmessa dalle radio nell’ultima settimana di giugno.

Commenti

Commenti

Condivisioni