Notizie

Tanti incontri, workshop e face to face a Medimex 2015: si comincia con Brian Eno

medimex-2015-brian-eno

Dal 29 al 31 ottobre alla Fiera del Levante di Bari torna per il quinto anno Medimex, il Salone dell’Innovazione Musicale. Ad aprire l’edizione 2015, proprio il 20/10, ci sarà Brian Eno, uno che sa cosa vuol dire davvero “innovazione”. Il produttore e compositore britannico sarà protagonista di un incontro in cui, oltre a raccontare la sua esperienza in campo musicale, presenterà la sua ultima realizzazione di visual art.

Dal 29 ottobre al 14 novembre, infatti, al Teatro Margherita del capoluogo pugliese, sarà possibile ammirare in esclusiva la sua Light Paintingsinstallazione composta a sua volta da 77 Million Paintings e Light Boxes, “opere dipinte con la luce”, che promuovono il ribaltamento della tradizionale relazione tra visitatore e opera d’arte.

Da alcuni anni Brian Eno infatti indaga infatti le possibilità che si aprono nella visual art grazie ad un utilizzo particolare dei video e della musica. «Sino a quando lo schermo sar͊à considerato solo un’estensione di film o tv, il futuro potrà riservarci esclusivamente un crescente livello di isteria. Invece a me interessa rompere il rigido rapporto tra spettatore e video: fare in modo che il primo non rimanga più seduto, ma osservi lo schermo come si ammira un dipinto», così ha spiegato la sua ricerca.

Hanno inoltre già confermato la loro presenza come relatori a Medimex 2015 numerosi grandi nomi dell’industria musicale internazionale. I case history riguarderanno infatti festival di rilievo come Roskilde (Danimarca), Glastonbury (Gran Bretagna) ed EurosonicNoorderslag (Olanda), per i quali parleranno i rispettivi responsabili – Henrik Rasmussen, Malcolm Haynes e Peter Smidt.

I workshop vedranno la partecipazione del manager americano Mark Gartenberg e dell’editore della Shapiro Bernstein Eric Beall; del fondatore e direttore del c/o pop Festival (il tedesco Ralph Christoph); il talent scout del Cirque du Soleil, André Faleiros; e, infine, quattro rappresentanti dell’Ircam di Parigi – i ricercatori Mattia Bergomi, Frédéric Bevilacqua, Riccardo Borghesi e il compositore Daniele Ghisi (musica elettronica e contemporanea).

I face to face(s) saranno tenuti da Malcolm Haynes di Glastonbury (Gran Bretagna), Ralph Christoph del c/o pop Festival (Germania), Marta Dobosz di Cross Kultur (Polonia), Kaushik Dutta del Kolkata International Music Festival (India), Erika Elliott del SummerStage (Usa), Thomas Heher del Waves Festival (Austria), Lee Jung Hun di Jazz in Seoul e Min Kim di Zandari Festa (Sud Corea), Peter Lee dello Hong Kong International Jazz Festival e Zhang Ran di Sound of the Xity (Cina), Izzy Lo Iacono di Great Escape (Gran Bretagna), Mariam Makharadze dell’Usadba Jazz Festival (Russia), Brahim El Mazned del Visa for Music e del Timitar Festival (Marocco), Rania Elias-Khoury del Jerusalem Festival (Palestina), Elodie Mermoz di Printemps de Bourges e di Le festival Kiosquorama (Francia), François Audigier del Vox Europa Festival (Francia), Stacey Wilhelm di SXSW-South by Southwest (Stati Uniti), Edin Zubčević del Jazz Fest di Sarajevo (Bosnia Herzegovina), Derek Andrews del Luminato Festival e del Mundial Montréal (Canada) e André Faleiros del Cirque du soleil (Canada).

medimex-2015-brian-eno

Commenti

Commenti

Condivisioni