Notizie

Miley Cyrus risponde a Sinead O’Connor: «La nuova Amanda Bynes»

Miley Cyrus

Miley Cyrus risponde a Sinead O’Connor su Twitter, paragonandola a Amanda Bynes, giovane attrice ricoverata per disturbi psichiatrici. E a darle manforte si presenta, inaspettatamente la cantante inglese Amanda Palmer.

Non si è fatta tardare la risposta della diretta interessata. Dopo la lettere che Sinead O’Connor ha scritto alla giovane popstar Miley Cyrus invitandola a “non farsi prostituire” dal Music Business che non ha a cuore le sue sorti, la giovane cantante ha fatto sapere la sua con alcuni tweet veramente poco lusinghieri. Il primo paragona l’artista irlandese ad Amanda Bynes, una giovane attrice che è stata recentemente ricoverata dopo una serie di episodi psicotici causati, pare, da un esaurimento nervoso, e riportando uno screenshot di post della O’Connor piuttosto confusi e facenti riferimento ai medicinali che dovrebbe prendere.

Miley Cyrus risposta Sinead O'ConnorDopo poco ha twittato una foto della famosa esibizione del ’92 al Saturday Night Live, quando la cantante di The Lion And The Cobra ha strappato una foto del papa. Per concludere, la Cyrus, ha pubblicato due post in cui prima le dice che non risponderà alla sua lettera perché deve preparare la sua esibizione al SNL, poi la invita a farle sapere se vuole parlare nella prossima lettera.

Ma non è l’unica risposta arrivata all’accorata lettera di Sinead. Anche Amanda Palmer si è sentita presa in causa e ha scritto una lunga lettera in cui dichiara di essere cresciuta con la musica dell’artista irlandese, di essere una sua grande fan, oltre ad essere d’accordo con la sua visione del Music Business, ma che secondo lei Sinead avrebbe mancato il bersaglio: «Miley è, da quello che ho colto, al comando del suo spettacolo. Lei sta scrivendo la sceneggiatura e firmando gli assegni e, per quanto sia facile immaginarla in una sala riunioni di un etichetta piena di str***i del management, non credo che nessuno di loro abbia fatto da regista per il suo piano di diventare un’ orgogliosa sex-bomb che balla il twerk mezza nuda. […] Il sesso vende, lo sappiamo».

La Palmer si dilunga parlando della condizione della donna nel sistema musica, considerando che la Cyrus è padrona del suo corpo e di come usarlo, fino ad affermare: «Io voglio vivere in un mondo dove Miley (o qualsiasi altra musicista donna) può ballare selvaggiamente il twerk a 20 anni, indossare una veste floreale hippie a 37, mostrarsi a 47 in un completo in latex vedo-non-vedo, come Keith&co, sulla cover di Rolling Stone ed essere APPLAUDITE per essere così a proprio agio con il loro corpo. Non sto dicendo che le donne debbano giocare il disperato gioco SONO-ANCORA-SEXY a qualsiasi età. Vedere le operazioni di chirurgia plastica di Madonna e l’apparente testardaggine sull’invecchiamento fa venire alla mia teenager interiore voglia di gridare (TU SEI MADONNA! TU POTEVI RENDERE L’INVECCHIARE UNA COSA SEXY E PORCA MISERIA NON L’HAI FATTO!!) ma l’adulta in me si prende una pausa, respira, e si ricorda che Madonna si sta solo ritagliando una parte nel terreno di gioco. Come lei scelga di modellare la sua faccia e il suo corpo sono solo… sue decisioni. Io devo lasciargliele fare e applaudirla per essere lei, anche se non avrei mai fatto le stesse scelte».

Commenti

Commenti

Condivisioni