Festival di Sanremo 2016 Notizie

Sanremo, cosa ci è piaciuto e cosa non ci è piaciuto della quarta sera

Schermata 02-2457432 alle 11.49.29

Ne manca solo una, la più importante. Si concluderà infatti questa sera l’edizione 2016 del Festival di Sanremo. Nei primi minuti del giorno di San Valentino scopriremo chi è il vincitore. Intanto, però, mentre attendiamo, parliamo della serata più inutile di tutta la kermesse: la semifinale. Il Festival potrebbe andare tranquillamente un giorno in meno.

5 COSE BELLE

1.ELISA
La Voce con la V maiuscola, dal vivo è addirittura meglio che su disco. Anche lei presenta un medley dei suoi brani più famosi, compresa Luce, con cui ha vinto il Festival nel 2001. Si chiude con No Hero, il nuovo, bellissimo singolo. 10 e lode.

2.ERMAL META E MIELE
Il primo si è presentato sul palco con gli occhi colorati di arcobaleno e tutti lo davano per vincitore (e lo avrebbe meritato), la seconda è tornata sul palco dopo essere stata trattata un po’ male la sera prima, e lo ha fatto con classe, voglia e coraggio. Bravi.

3.VIRGINIA BELEN
La stavamo aspettando e finalmente è arrivata: è quasi impossibile distinguere la vera dall’imitatrice. Chicca importantissima: il primo abito indossato è uno di quelli che indossò Emma lo scorso anno. Ed è un cerchio che si chiude. Adesso tutti a farsi un selfie.

4.ROCCO TANICA
“Hey Natasha hai fatto tu la piscia”. Lo vogliamo presidente della Repubblica, fine.

5. FRANCESCA MICHIELIN
Continua a non sbagliare niente. Sale sul palco con una sicurezza da artista navigata, fa il suo lavoro in maniera impeccabile, azzecca look, pezzo, voce e atteggiamento.

5 COSE BRUTTE

1. ENRICO BRIGNANO
Il siparietto sulle coppie, la donna con la vocina un po’ da burina di periferia, sempre le stesse cose. Enrico, sei pure bravo, ma forse è ora di tirare fuori dall’armadio le battute nuove. Altrimenti, quando non si ha niente da dire, è meglio stare zitti.

2. I CONIUGI SALAMOIA
Hanno un po’ lo stesso problema di Irene Fornaciari: ci hai provato ma non è andata, adesso smettila. Se le tre sere prima non ha riso nessuno, probabilmente nemmeno i vostri parenti di fronte alla tv, perché continuare? Perché dovrebbe farmi ridere la donna che sbava per Garko? Perché in Italia non abbiamo delle comiche che facciano davvero ridere tipo, nomi a caso, Amy Schumer e Tina Fey?

3. LA LUNGHEZZA
Bella l’idea del riportare in tv il Dopofestival, solo che se lo fate iniziare alle due di notte non lo posso guardare. Tagliare il superfluo, per favore, abbiamo tutti le occhiaie viola da martedì.

4. IL RIPESCAGGIO
E su, basta con questi giochetti. Il regolamento sembra scritto da Topolino. Chi esce per finta, chi viene ripescato, e poi magari addirittura vince, e ambarabàcciccìcocò. Vogliamo la semplicità, che paga sempre.

5. NO, SONO SOLO 4
La quinta cosa brutta non ce l’ho. Carlo Conti, hai fatto il miracolo come San Gennaro.

Commenti

Commenti

Condivisioni