Notizie

Rolling Stones, rinviati tutti i concerti in Australia e Nuova Zelanda

rolling-stones-concerti-rinviati

Dopo la morte di L’Wren Scott, la compagna di Mick Jagger, i Rolling Stones hanno deciso che tutti i concerti in Australia e Nuova Zelanda siano rinviati a data da destinarsi.

I Rolling Stones hanno deciso di posticipare tutti i concerti del 14 On Fire tour previsti in Australia e Nuova Zelanda. La scelta è stata dettata dall’improvvisa morte per suicidio di L’Wren Scott, compagna di Mick Jagger. Già poche ore dopo la terribile notizia la band aveva deciso di annullare la prima data in programma (il 19 marzo a Perth), ma dopo un’altra mezza giornata di attesa è arrivata la nota del gruppo che ha preferito sospendere il tour, con la promessa però di tornare sul palco in un momento futuro. Lo stesso Jagger in un comunicato si è detto sconvolto per l’accaduto e incapace di capire il motivo del gesto di Scott.

Ecco il comunicato apparso sulla pagina Facebook della band.

I Rolling Stones sono profondamente tristi e dispiaciuti nel dover annunciare il rinvio della restante parte del loro 14 ON FIRE tour in Australia e Nuova Zelanda, dovuto alla morte di L’Wren Scott.
Mick Jagger, Keith Richards, Charlie Watts e Ronnie Wood vogliono ringraziare tutti i fan per il loro supporto in un momento tanto difficile e sperano che possano capire le ragioni di questa decisione.
I Rolling Stones stanno già pensando a quando a date future per riprogrammare gli show rinviati.
I promoter in Australia e Nuova Zelanda chiedono ai possessori di biglietti di aspettare per ulteriori notizie a breve.

Gli show rinviati sono:
Perth Arena – 19 marzo
Adelaide Oval – 22 marzo
Sydney Allphones Arena – 25 marzo
Melbourne Rod Laver Arena – 28 marzo
Macedon Ranges Hanging Rock – 30 marzo
Brisbane Entertainment Centre – 2 aprile
Auckland Mt Smart Stadium – 5 aprile


Commenti

Commenti

Condivisioni