Vasco Rossi ha fatto bene a licenziare Maurizio Solieri?

Vasco RossiMaurizio Solieri: è scoppiata la bufera. Dopo le dichiarazioni rilasciate dal chitarrista in cui, interrogato sul rocker di Zocca, lo descriveva come «incazzato con il mondo», aggiungendo che «forse non sta bene» e che i rapporti con il Blasco  sono ormai «solo professionali, è da un anno che non lo sento più», Vasco – attraverso la sua pagina Facebook – ha risposto con una lunga lettera. «Caro Solieri, ci conosciamo dal ’77 quando, vestito con una giacca scozzese da impiegato bancario, e gli occhiali da vista neri, ti incontrai per la prima volta. Poi ti sentii suonare la chitarra una sera al bar e rimasi stupefatto. Suonavi esattamente come oggi. Ed è questo il punto caro Solieri. Non sei cambiato di una virgola. Non sei cresciuto… non ti sei evoluto».

E ancora. «Dici che ultimamente sembra sia incazzato con il mondo? Forse non sto bene? Ma vai a farti fottere anche te insieme a tutti gli altri.. Io incazzato lo sono stato sempre! Col mondo, con me e anche con te! E non sono mai stato bene. Io sto male! Mi meraviglio che non tu l’abbia mai capito».

Parole forti, che sembrano un’anticamera di quello che Vasco, poi, aggiunge: «È ora che vi ricordiate ragazzi che io ho cominciato a scrivere le canzoni.  Ho sempre fatto tutto io. [...] Ogni volta che dovevamo organizzare un tour e scegliere i musicisti ci dicevamo ‘ma Solieri lo lasciamo a casa?’ A noi serve un chitarrista ritmico non un altro solista rimasto negli anni Ottanta. Poi alla fine per affetto, per la storia, per i fan, decidevamo ogni anno di prenderti».

E i fan come reagiscono?