Notizie

Whitney Houston è annegata dopo un attacco cardiaco, cocaina e farmaci in corpo

L’autopsia sul corpo ha svelato le cause della morte di Whitney Houston: la diva è morta per un accidentale annegamento dovuto ad un attacco cardiaco. Nel suo corpo – trovato senza vita nella stanza dell’albergo di Beverly Hills in cui alloggiava lo scorso 21 febbraio – sono state rinvenute tracce di droga, cocaina e marijuana, e di una serie di farmaci (tra cui lo Xanax e il Benadryl). La notizia trapela su tutti i principali siti d’informazione americani, tra cui Rolling Stone.

Le quantità di droga presenti nel sangue della Houston saranno rivelate solo al termine delle indagini mediche che sono in corso in questo momento – ci vorranno circa due settimane prima che si concludano. La reazione della famiglia della cantante all’autopsia è stato affidato a un comunicato firmato da Patricia Houston, sorellastra di Whiteny e membro del trust che si sta occupando di gestirne il patrimonio: «Siamo tristi per quanto emerso dagli esami tossicologici, ma siamo contenti di avere finalmente un responso».

 

Commenti

Commenti

Condivisioni