Notizie

X Factor 2016, Manuel Agnelli contro le boyband (e Alvaro Soler)

x-factor-2016-agnelli-boyband-soler
di Redazione
Foto di Emanuela Giurano - Testo di Giuseppe Candela

X Factor 2016, adesso si fa sul serio tra switch inaspettati, sfida delle sei sedie, fischi, standing ovation e presenze a sorpresa. Come se non bastasse, a rendere scoppiettante la quarta puntata ci ha pensato Manuel Agnelli schierandosi contro le boyband e, indirettamente, Alvaro Soler. Il pubblico assiste alle ultime audizioni e all’inizio dei Boot Camp. Cattelan incontra i giudici per assegnare le categorie: Fedez ottiene le Under Donne (16-24 anni), gli Under Uomini toccano invece ad Arisa, Manuel Agnelli si occuperà degli Over ma desiderava i Gruppi assegnati invece ad Alvaro Soler.

Tra lo spagnolo, nuova icona del pop, e il leader degli Afterhours, alternativo e ficcante, la distanza musicale si avverte sempre di più. Quando nel corso della serata Alvaro decide di far passare (salvo poi ripensarci in seguito) i Five Stories, dopo aver cantato Basket Case in versione ballad pop, il commento di Agnelli è durissimo: «Cantate bene ma siete la dimostrazione dello scempio che possono fare le boyband nella musica». Il pubblico si schiera con Manuel: piovono fischi.

La puntata è speciale lo abbiamo detto. E, per non farci mancare nulla, sul palco sale anche Giò Sada. Il vincitore dell’edizione numero nove si concede una breve esibizione live con la chitarra. Il pubblico si alza in piedi: non ha dimenticato le sue emozioni. È la volta di Fabio Rovazzi che prima saluta i giudici, poi accenna il tormentone estivo Andiamo a comandare.

Ci siamo: è il momento di decidere chi va diritto agli Home Visit. Dopo il meccanismo “crudele” nella categoria Under Donne passa il turno Gaia Gozzi, studentessa diciottenne, questa volta si presenta senza turbante e conquista anche Agnelli: «Lei ha l’X Factor». Caterina Cropelli ottiene la sedia nonostante l’interruzione a metà del brano, Fedez non si scompone: «Esibizione non impeccabile ma io vado oltre e non posso non darti una sedia». Standing ovation per Rossella Discolo (questa volta senza sua sorella) e per Valentina Giardullo che il rapper non nasconde essere tra le sue preferite. Sofia Rollo sbaglia brano per i giudizi ma ottiene la promozione, chiude il gruppo Graziella Frances Cambia detta Grace.

Nella categoria Gruppi arrivano alla fase successiva i Soul System dopo una versione davvero originale di Roma-Bangkok e i Les Enfants grazie a una performance convincente. Iiso stupisce con un pezzo di Albano e lo spagnolo ci ripensa sui Jarvis che aveva invece bocciato alle Audizioni. La squadra è al completo con i Daiana Lou e gli Oak il cui leader colpisce Fedez: «Sei figo perché non sei figo». Per entrambi i giudici adesso inizia la fase più difficile: passare da sei a tre concorrenti. Giovedì prossimo bootcamp per Manuel Agnelli e Arisa.

Commenti

Commenti

Condivisioni