Elisa a Milano, tre ore di spettacolo e grande energia

recensione-concerto-elisa-milano-24-marzo-2014

Elisa in concerto a Milano per la prima delle due date previste al Mediolanum Forum di Assago. Ecco la recensione del concerto del 24 marzo 2014. Foto di Francesco Prandoni.

Forum di Assago, Milano, 24 marzo 2014. È fatto noto che il panorama musicale italiano sia quasi esclusivamente maschile. Le quote rose sono in netta minoranza e quando una donna riesce ad arrivare all’animo di molti, capisci subito il perché: ha talento. Elisa ne ha da vendere. Ciò che mi ha colpito di lei, sin dagli albori luminosi di Sleeping in Your Hand, è la semplicità con cui si è posta fin da subito. È così che Elisa ha incantato il Forum nella prima data meneghina. Sia che si presenti in una fattispecie di tuta a pancia scoperta sia vestita rosso fuoco, Elisa è quel sorriso che le vedi stampato in volto per 33 brani. Una panoramica di una carriera, fedele a se stessa più che a logiche commerciali. Una setlist che – aveva già annunciato in intervista – è stata limata e ridefinita, dove ogni brano eseguito ha un senso preciso ed è posto in un momento dedicato in quel mastodontico concerto di tre ore che ha pensato.

Un palco a doppia E, una di schiena all’altra, per sancire visivamente da subito che la cantante triestina in questo L’Anima Vola Tour non solo ci mette la faccia, ma mette a nudo la sua anima. Schermi, immagini e video in tempo reale di ciò che succede sul palco. Elisa sfoglia il suo album fotografico musicale, tra vecchie glorie e brani del nuovo album, lei è la protagonista indiscussa.

Magnetica, che sia con una chitarra tra le braccia, un piano tra le dita o sola con il microfono. Gli occhi sbattono a malapena per non perdersi neanche un istante. Vedere un concerto con una bimba di otto anni alle spalle, che canta ogni singola sillaba e nota, ti fa capire il potere che può avere la musica, oltre alla capacità che ha Elisa di ammaliare e affascinare un pubblico realmente trasversale. L’affetto della sua gente era palpabile tra le voci di chi ha cantato ogni singolo secondo da Non fa niente ormai a Rock your soul e tra chi non riusciva a proferire parola, fino a chi si è commosso su A modo tuo e a chi ha ballato su L’anima vola. Tra le braccia che si muovevano sincronicamente quasi si fosse catapultati nel più grande flash mob della storia della musica in Ecco che, tra le mani che hanno applaudito, tra gli innumerevoli striscioni che hanno ricoperto il forum nel momento in cui Elisa ha eseguito brani richiesti direttamente dal pubblico. Tra le parole di Luca che chiedeva a Valeria di prenderlo come marito, nella dedica speciale che gli è stata rivolta.

Forse, il segreto dell’Anima Vola Tour e dei suoi sold out annunciati è che non si assiste a un concerto di Elisa, ma si partecipa a un concerto di tutti, fatto di parole che si snocciolano tra le labbra delle coppie presenti, delle risate che scoppiano tra amici, delle chiamate a chi non è potuto essere presente per far ascoltare dei brani. Questa sera si ripete. Consiglio a chi non ha ancora preso il biglietto per questo evento di comprarlo per sognare per tre ore, fermando le lancette del tempo.

Altri articoli su questo concerto

Commenti

Commenti

Condivisioni