Miley Cyrus, il concerto di Milano visto dagli occhi di una giovane fan

miley-cyrus-milano-8-giugno-2014-recensione

Miley Cyrus ha fatto tappa a Milano con il suo Bangerz Tour 2014. Abbiamo pensato di far descrivere il concerto dell’8 giugno a una giovane fan. Ecco la sua recensione.

Mediolanum Forum, Milano, 8 Giugno 2014. Scesa dal treno mi ritrovo alla stazione di Milano Porta Garibaldi e c’è mio zio che mi aspetta. Mi ha fatto un regalo che non mi sarei mai aspettata e anche non essendo una grande ammiratrice di Miley Cyrus io volevo sentirla. Ma perché volevo sentire una cantante di cui conoscevo più o meno solo il nome e qualche canzone? Per essere una di “quelle che vanno ai concerti”? Per “gasarmi” con le mie amiche? No, ero solamente molto curiosa e allora ho accettato volentieri il regalo dello zio.

Non ero mai stata al Forum di Assago, come spazio mi è sembrato strano per un concerto, però anche se ero in tribuna ho potuto ballare, cantare e godermi lo spettacolo. Ho notato che non c’erano solo ragazzine della mia età (14 anni) smorfiosette e vestite tutte uguali come mi aspettavo, ma anche grandi, vecchie, piccine e ragazzi, comunque vestiti tutti a stampino, compresa me.

Lo show è iniziato esattamente alle 21.00 quando un’enorme faccia di Miley è scesa dal soffitto del palcoscenico e ha aperto la bocca facendo passare uno scivolo a forma di una lunghissima lingua rosa bubble gum dalla quale è scesa la cantante. Tutto questo mi sembrava assurdo e allo stesso tempo molto teatrale. Tutto il concerto è stato così, nelle coreografie dei balletti, negli effetti dei video, nelle luci quasi psichedeliche, insomma non esiste parola migliore di SHOW per descrivere questo concerto.

Personalmente preferisco i concerti più reali: con questo intendo concerti non così scenografici come sono quelli di Lady Gaga o di Madonna o di Katy Perry, ma un genere più improvvisato, come per esempio un concerto di Bruce Springsteen (al quale tra l’altro sono stata due anni fa a San Siro).

Quando Miley ha iniziato a cantare, la musica non mi sembrava poi così male, la sua voce era strepitosa e non mi sembrava che facesse troppo la “zoccoletta” come la descrivono sui social network. Certo, ovviamente non era la più “fine” delle cantanti, ma sono sicura che fosse solo per business.

Avevamo dei posti molto in basso e nel mezzo del concerto Miley, accompagnata dalla sicurezza è stata letteralmente trasportata dentro un armadio nel mezzo del campo, a due metri da me e dallo zio! A quel punto ero emozionatissima (non è difficile immaginarlo) e proprio in quel momento ha cantato la mia canzone preferita, Summertime Sadness di Lana Del Rey. Mi sono messa a cantarla e, mentre probabilmente la stonavo tutta, mi scendevano le lacrime dagli occhi.

Quando poi è ritornata sul palco la gente era ancora più calda e nonostante le orecchie che facevano male e i piedi che non reggevano più erano tutti emozionatissimi ed entusiasti, me compresa. Alla fine del concerto, dopo il bis e infine un tris con un’ultima canzone, tutti si sono alzati e hanno urlato talmente forte che stare qui a scrivere in questo momento nel silenzio mi sembra di essere da sola da anni e anni.

Usciti dal forum, io e lo zio abbiamo parlato dei genitori che aspettavano le ragazzine fuori dal concerto e abbiamo preso insieme una granita alla pesca. Comunque è un concerto che consiglierei vivamente per chi vuole divertirsi e scatenarsi anche se il genere di musica non fosse il suo preferito.

Nina Losi

Altri articoli su questo concerto

Commenti

Commenti

Condivisioni