Notizie

Recensione concerto Vadoinmessico Roma Locanda Atlantide 21 maggio 2012

Leggi la recensione del concerto dei Vadoinmessico a Roma, Locanda Atlantide 21 maggio 2012.

Recensione concerto Vadoinmessico Roma Locanda Atlantide 21 maggio 2012Roma, Locanda Atlantide, 21 maggio 2012. I Vadoinmessico sul palco di fronte alla sala gremita della Locanda Atlantide. Erano attesi da tanti, dagli amici lasciati a Roma (due di loro sono nati lì), dai molti nuovi fan, folgorati da un disco d’esordio esemplare (Archaeology Of The Future, uscito da un paio di mesi) e da un cospicuo numero di curiosi. Perché di loro si parla in questo momento, sono il gruppo da vedere, quelli che ce l’hanno fatta all’estero. Chissà se avremmo riconosciuto il talento di questo ensemble multietnico (ci sono anche un Austriaco, un Inglese e un Messicano) se si fosse costituito sulla Tiburtina invece che nei pressi del Tower Bridge.

Londra o non Londra, lasciamo gli scenari ipotetici da parte: le canzoni dei Vadoinmessico sono talmente belle che vogliamo credere avrebbero trovato comunque la loro strada per emergere. Composizioni pop dalle melodie ricercate e affascinanti, musiche che guardano all’Africa e ai Caraibi, percussioni vere e elettroniche, tastiere spaziali che domano un impeto che a volte è post punk, a volte post rock, altre è pura energia, punto e basta. La voce di Giorgio, aguzza, si fa largo fra i crescendo corali della piccola banda. Ecco che con Pepita, In Spain, Cave, Archeology Of The Future sul palco vediamo apparire in sequenza menestrelli, pirati, orchestranti, rocker. Tutti impegnati in un’unica danza. Ed è solo l’inizio.

Commenti

Commenti

Condivisioni