Ásgeir, il pop islandese da esportazione pronto a conquistare l’Europa

Asgeir In The Silence recensione

Il debutto di Asgeir è il disco più venduto di sempre in Islanda, arriva sul mercato internazionale la sua versione inglese In The Silence.

Asgeir In The Silence recensione del primo albumDopo l’exploit degli Of Monsters And Men, l’Islanda si conferma fucina di talenti pop da esportazione. Una nuova generazione musicale che abbandona sempre più spesso la lingua madre a favore del meno esotico inglese, contaminando di ‘pop’ le sonorità più nordiche. È questo il caso di Ásgeir, classe 1992, che arriva sul mercato discografico internazionale con In The Silence, versione worldwide dell’album di debutto Dýrð í dauðaþögn.

Il suo esordio è diventato in patria il disco più venduto di tutti i tempi, presente nella discografia di un islandese su dieci. Un successo paragonabile, forse, a quella del nostro Marco Mengoni. Quello di Ásgeir è un pop aggraziato, un melodic-folk dal gusto delicato, dalla leggerezza timida e riservata. Dieci canzoni con lo sguardo basso, la cui resa in inglese è stata affidata alla mano raffinata di John Grant (che non a caso ha scelto proprio l’Islanda come sua seconda casa).

L’apertura del disco è affidata all’ottima Higher, che risuona di libertà e piacevolezza; mentre King & Cross è un singolo perfetto. Ma sono gli episodi più scuri (Going Home) e venati di particelle elettroniche (Hide Your Head In The Snow, il migliore del disco) quelli più interessanti. Qui la vocalità di Ásgeir, costantemente armonizzata e in perenne falsetto, si discosta dal paragone più ovvio: quello con Bon Iver (Was There Nothing ricorda fin troppo la sua Holocene). Non mancano ingenuità come la title-track o la marcia sottotono di Torrent, dove viene meno la stratificazione compositiva e si fa evidente la giovane età di Ásgeir.

In The Silence esce per la One little indian; la stessa etichetta che tempi or sono ha lanciato in tutto il mondo Bjork, l’islandese d’esportazione per eccellenza. E se questo è il pop che potremmo ascoltare in radio, ben venga un esordio come quello di Ásgeir. Chissà, forse lo ritroveremo anche da noi nelle case di molte “casalinghe di Voghera”.

In The Silence

Canzoni
Higher Durata: 03:22 Riproduci Acquista dall'album: In The Silence
In the Silence Durata: 03:55 Riproduci Acquista dall'album: In The Silence
Summer Guest Durata: 03:44 Riproduci Acquista dall'album: In The Silence
King and Cross Durata: 03:33 Riproduci Acquista dall'album: In The Silence
Was There Nothing? Durata: 03:48 Riproduci Acquista dall'album: In The Silence
Torrent Durata: 03:36 Riproduci Acquista dall'album: In The Silence
Going Home Durata: 04:5 Riproduci Acquista dall'album: In The Silence
Head in the Snow Durata: 04:14 Riproduci Acquista dall'album: In The Silence
In Harmony Durata: 04:18 Riproduci Acquista dall'album: In The Silence
On That Day Durata: 03:45 Riproduci Acquista dall'album: In The Silence
Sooth This Pain Durata: 04:27 Riproduci Acquista dall'album: In The Silence

Commenti

Commenti

Condivisioni