Bruce Springsteen, ecco High Hopes. Il passato tormenta il Boss?

Bruce Springsteen High Hopes

Il nuovo album di Bruce Springsteen High Hopes esce il 14 gennaio 2014. Un disco particolare, anomalo, un esperimento mai tentato dal Boss, che mette insieme cover e materiale del passato. Che sia proprio il passato a “tormentare” Bruce? Ecco la recensione.

Bruce Springsteen high hopes recensione

High Hopes è un disco che non sarebbe mai dovuto uscire. Perlomeno non in condizioni normali. Mai Bruce Springsteen aveva pubblicato un album solo di outtake e cover, senza neppure un pezzo composto per l’occasione (le Seeger Sessions erano un’altra cosa, così come Tracks e The Promise). Soprattutto, mai il rocker del New Jersey aveva fatto uscire un suo lavoro senza che avesse uno spirito di fondo ben identificabile, un tema unitario che desse omogeneità alla scaletta. E c’è da chiedersi il perché. Non tanto perché non l’avesse fatto prima. Quanto perché abbia deciso di farlo proprio ora (non che sia un male), lui ben noto per l’ossessione di non lasciar uscire un disco se non quando lo considerasse perfetto. Una scusa per andare di nuovo in tour? Non ne ha alcun bisogno. Probabile che il motivo sia ben più profondo.

Inutile nasconderlo: a Bruce manca qualcosa. O qualcuno. Non ha ancora davvero superato i lutti per le morti di Danny Federici e Clarence Clemons, l’organista e il sassofonista membri fondatori della sua E Street Band. Sembrava ci fosse riuscito con Wrecking Ball, dove il suo omaggio era sentito e commosso, ma era anche evidente il primo passo verso un nuovo percorso. E invece nel continuo recupero di registrazioni degli ultimi vent’anni, pur giusto tributo ai compagni di una vita, pare di cogliere un’ostinazione eccessiva, soprattutto quando il sax di Big Man va a duettare con la chitarra di Tom Morello. Ecco forse il percorso che ha portato al lavoro più disomogeneo nella carriera di Springsteen: la necessità di portare avanti la memoria. O magari no. Magari il diavolo del New Jersey ha solo imparato a fregarsene un po’ del suo perfezionismo, pubblicando quella che lui per primo ha definito come «un’anomalia».

Non è insomma semplice valutare High Hopes e non si può darne un giudizio netto. O meglio, si può anche farlo, dicendo che è un ottimo disco, ma non un grande disco: e però si tratta di un passaggio importante se si vuole capire chi sia oggi Bruce Springsteen. Non vale Wrecking Ball, l’ultimo splendido album pubblicato due anni fa, ma è superiore ai due precedenti Magic e Working On A Dream. La qualità è comunque assicurata, con almeno un paio di veri capolavori come American Skin (41 Shots) o Dream Baby Dream, cover del gruppo punk Suicide. Entrambe, peraltro, già note ai fan di Springsteen, che forse apprezzeranno il disco meno dei neofiti.

Venendo alla grande novità di High Hopes, la collaborazione con Morello, si può dire che l’esperimento fosse più riuscito in Wrecking Ball, mentre qui il chitarrista in alcuni degli otto brani ai quali partecipa aggiunge troppo, fin quasi a sovrastare (su tutti The Ghost of Tom Joad, dove l’arrangiamento, bello e arrabbiato, è in parte vanificato dalla stessa voce di Morello). Le orecchie hanno comunque di che gioire: Just Like Fire Would (cover dei Saints), Down In The Hole, Frankie Fell in Love (con controcori d’altri tempi di Litte Steven), Hunter of Invisible Game, The Wall sono tutte canzoni di altissimo livello. Ma la sensazione che sia solo una bozza di un bel quadro resta. Dopo 40 anni di carriera Springsteen se lo può permettere. E, in ogni caso, fossero tutti di questo livello gli album rock di oggi ci sarebbe da esultare.

High Hopes

Canzoni
High Hopes Durata: 04:57 Riproduci Acquista dall'album: High Hopes
Harry's Place Durata: 04:04 Riproduci Acquista dall'album: High Hopes
American Skin (41 Shots) Durata: 07:23 Riproduci Acquista dall'album: High Hopes
Just Like Fire Would Durata: 03:56 Riproduci Acquista dall'album: High Hopes
Down In the Hole Durata: 04:59 Riproduci Acquista dall'album: High Hopes
Heaven's Wall Durata: 03:5 Riproduci Acquista dall'album: High Hopes
Frankie Fell In Love Durata: 02:48 Riproduci Acquista dall'album: High Hopes
This Is Your Sword Durata: 02:52 Riproduci Acquista dall'album: High Hopes
Hunter of Invisible Game Durata: 04:42 Riproduci Acquista dall'album: High Hopes
The Ghost of Tom Joad Durata: 07:33 Riproduci Acquista dall'album: High Hopes
The Wall Durata: 04:2 Riproduci Acquista dall'album: High Hopes
Dream Baby Dream Durata: 05: Riproduci Acquista dall'album: High Hopes

Commenti

Commenti

Condivisioni