A casa tutto bene di Brunori SAS è un gran signor disco

brunori-recensione a casa tutto bene

Brunori Dario si presenta davanti alla commissione con aria svogliata, ma con sguardo attento, a tratti crucciato, che denota un profondo spirito di osservazione”. Se tornassimo indietro nel tempo di una ventina d’anni, probabilmente sarebbe stata questa l’annotazione della giuria di professori a margine dell’esame di maturità del cantautore cosentino.

brunori-recensione a casa tutto beneOggi quel Brunori Dario ha i capelli bianchi e l’esame di maturità dimostra di averlo superato anche con la sua musica, con lo stesso identico atteggiamento di allora. Tornato questo gennaio a distanza di tre anni da Vol. 3 – Il cammino di Santiago in taxi, Brunori Sas sforna A casa tutto bene dopo 15 giorni di ritiro spirituale calabrese assieme alla sua band e al producer Taketo Gohara. Il tocco del sound del designer milanese (di chiare radici giapponesi) dona all’opera un sapore moderno che, come il pezzo mancante del puzzle che ritroviamo dopo anni sotto il materasso, valorizza in modo eccezionale gli ottimi spunti di scrittura di Brunori.

Eh già, proprio nel momento in cui le radio italiane si sono accorte di cosa ha prodotto il sottobosco meno patinato del mondo musicale nostrano negli ultimi anni, Brunori Sas pubblica il suo quarto disco che ne consacra definitivamente le incredibili doti comunicative. Sarà un caso? Credo di no.

Tra Calabria e Lombardia – tra Lamezia/Milano per dirla con il titolo di una delle canzoni del disco – l’artista ha raggiunto una certa consapevolezza che a primo ascolto distingue A casa tutto bene dai precedenti lavori. La traccia di apertura, intitolata La Verità, vuota subito il sacco con metafore che una dopo l’altra intessono un crescendo di tematiche più universali, come la paura di scomparire senza lasciare traccia. I suoni si fanno più ricercati, pur lasciando il centro della scena a parole e melodia. Ma i fan della prima ora possono stare tranquilli! Quel velo di ironia e cinismo hipster che tanto piace a coloro che ancora credono nella parola “indie” c’è e si sente: L’Uomo Nero e Don Abbondio sono tra le tracce più pungenti e riuscite del disco.

Ancora una volta la formula del successo risiede nei testi acuti ma che parlano a tutti, con una semplicità primordiale nelle strutture melodiche che però, ad ascolto concluso, lasciano una certa nostalgia, nonostante gli arrangiamenti molto aperti e positivi delle canzoni. A casa tutto bene di Brunori Sas si muove a cavallo tra l’io e il voi, accompagna da dentro a fuori le riflessioni dell’artista. L’autoanalisi a cui il cantautore si sottopone e la socialità circostante, corrotta e ingenua, sono i fili tematici principali dell’album. C’è ovviamente spazio anche per l’amore (Colpo di pistola) e per il dolore, quello che oggi si vorrebbe eliminare ad ogni costo (Secondo me).

A casa tutto bene è un disco pop.
A casa tutto bene a volte sa di Silvestri, altre di Fossati.
A casa tutto bene è di Dario, lo stesso “vecchio ragazzino nel corpo di un uomo” che va per i quaranta.
A casa tutto bene è un signor disco.

A casa tutto bene

Canzoni
La verità Durata: 05:02 Riproduci Acquista dall'album: A casa tutto bene
L'uomo nero Durata: 04:27 Riproduci Acquista dall'album: A casa tutto bene
Canzone contro la paura Durata: 03:42 Riproduci Acquista dall'album: A casa tutto bene
Lamezia Milano Durata: 03:52 Riproduci Acquista dall'album: A casa tutto bene
Colpo di pistola Durata: 05:01 Riproduci Acquista dall'album: A casa tutto bene
La vita liquida Durata: 03:26 Riproduci Acquista dall'album: A casa tutto bene
Diego e io Durata: 04:15 Riproduci Acquista dall'album: A casa tutto bene
Sabato bestiale Durata: 03:42 Riproduci Acquista dall'album: A casa tutto bene
Don Abbondio Durata: 03:54 Riproduci Acquista dall'album: A casa tutto bene
Il costume da torero Durata: 02:22 Riproduci Acquista dall'album: A casa tutto bene
Secondo me Durata: 04:42 Riproduci Acquista dall'album: A casa tutto bene
La vita pensata Durata: 02:41 Riproduci Acquista dall'album: A casa tutto bene

Commenti

Commenti

Condivisioni