Notizie

Corinne Bailey Rae – The Sea

Corinne Bailey Rae

The Sea

(Virgin)

Ricordate Put Your Records On? Sono passati quattro anni da quando Corinne Bailey Rae monopolizzava le radio con quel brano, contenuto nell’omonimo album di debutto. Qui siamo al secondo capitolo: The Sea è un disco intimistico, gradevole, eterogeneo (le influenze vanno da Stevie Wonder a Bjork fino ai Pink Floyd) che trasmette emozioni e stati d’animo talvolta contrapposti. La ragazza di Leeds è cresciuta in fretta e ha registrato un album maturo, probabilmente ispirato dalla tragica scomparsa del marito (morto per una fatale overdose). La sua è una malinconia leggera, serena, che si diffonde con dolcezza e intensità grazie a quell’atmosfera che solo il soul sa creare. In questo senso il brano che chiude la tracklist (e che dà il titolo all’album), con quel “goodbye” di congedo, è il manifesto del feeling che pervade The Sea. Che non è un disco triste, anzi. Ci sono ritmi jazzy (Feels Like The First Time) e rock (Paper Dolls), che si fondono in una commistione di generi ben riassunta da Diving For Hearts. Siamo parlando di quello che si dice “un disco per palati raffinati”.

Tommaso Perandin

Commenti

Commenti

Condivisioni